Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

Spotify Group Session: la playlist collaborativa

La nuova funzione di Spotify

La nuova funzionalità Group Session

Una nuova funzionalità per Spotify: una playlist di gruppo per scegliere insieme le canzoni da ascoltare con la Group session.

Group session: un progetto a cui Spotify sta lavorando da tempo

Spotify ha rilasciato una nuova funzionalità, lo sta facendo gradualmente sotto forma di vari test per gli utenti Premium. La Group session è letteralmente una sessione di gruppo e darà la possibilità di ascoltare la stessa musica a due o più persone. La scelta della playlist è condivisa e sarà tutta in tempo reale.

Si potrà quindi realizzare una playlist sul momento aggiungendo a piacimento nuove canzoni che andranno in coda. Sono  inoltre disponibili tutte le solite funzioni come lo skip o la possibilità di mettere in pausa.

Spotify però sta lavorando a questo progetto da molto tempo. Infatti Jane Manchun Wond, reveverse engineer e blogger, aveva scoperto la funzione già un anno fa. Jane è nota sui social proprio per riuscire a scoprire nuove funzionalità nascoste nelle app più famose.

Come funziona la versione beta di Gruop session

Ma adesso la Group session è davvero disponibile, almeno per alcuni utenti e in fase beta. Questo vuol dire che non è ancora una versione stabile, ma si tratta di una versione di test che sarà ancora migliorata grazie al monitoraggio degli errori segnalati.

group session
Alcune schermate su come attivare la nuova funzione di Spotify premium: Group session

Al momento la Group session supporta fino a 100 utenti, e voi direte caspita tanti! Peccato però che si debbano trovare tutti nello stesso spazio fisico, questo rende la cosa più limitante e meno pratica.

Infatti le reali potenzialità di questa funzione riguardano sopratutto l’utilizzo di una sessione di gruppo a distanza. Pensate per esempio a due amici che possono ascoltare la stessa canzone in contemporanea modificando la playlist sul momento, ma in zone del mondo differenti.

Attualmente non è escluso che questa funzione possa diventare reale e che quindi sia possibile creare un giorno sessioni di gruppo per persone distanti tra loro per ascoltare la stessa canzone in tempo reale anche da remoto.

Pensata forse per il lockdown, la Spotify Group session può essere utile per evitare litigi in famiglia, infatti così ogni membro può apportare il suo contributo alla playlist ed ascoltare tutti la propria canzone preferita.

Per attivare una group session un utente dovrà coprire il ruolo di host, tutti gli utenti che si vorranno aggiungere alla playlist collaborativa dovranno scansionare il codice Qr disponibile sullo schermo dello smartphone host, selezionando l’opzione Scansiona e partecipa.

Se non sapete che canzone ascoltare

Spotify ha realizzato anche un’altra piccola applicazione molto interessante. Si parte dal principio che ogni secondo i suoi circa 30 mila ascoltatori scelgono un brano in contemporanea con un’altra persona che non conoscono.

group session
La pagina di Spotify in cui è possibile esplorare quali canzoni vengono ascoltate insieme nello stesso momento

Spotify realizza così una pagina su cui è possibile scoprire quali canzoni vengono ascoltate simultaneamente grazie ad un mappamondo esplorabile, la pagina si chiama Listening Together. Questa operazione è pubblicizzata con il claim italiano “In ascolto, insieme” e ha anche una playlist creata appositamente, ascoltabile direttamente su Spotify, per sentirci più unititi anche quando si è distanti.

Questa playlist ha al suo interno brani con artisti come Madonna, Bob Dylan, Rihanna, Dua Lipa. Alcuni artisti hanno contribuito personalmente ad aggiungere brani, come Alicia Keys che ha inserito il brano Feelin Good di Nina Simone, per ricordare a tutti che ci si può sentire felici anche in questo periodo. Per le vostre Group session, quindi, potete inserire anche le canzoni scoperte grazie al Listening Together.

This post is also available in: English

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.