Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

Influencer di Twitch: indaghiamo il social del momento

La piattaforma targata Amazon sta spopolando in tutto il mondo

Impossibile negli ultimi mesi non aver mai sentito parlare di Twitch, la piattaforma che sta oscurando social potentissimi come Facebook e Youtube. In Italia sono numerosissimi gli appassionati che vogliono seguire i propri creator preferiti anche in tempo reale.

Twitch è molto diffuso in Italia

Impossibile negli ultimi mesi non aver mai sentito parlare di Twitch, la piattaforma che sta oscurando social potentissimi come Facebook e Youtube. Non è facile capirne i meccanismi, ma una volta compresi sarà possibile seguire i propri streamer preferiti e, perché no, diventarne uno guadagnando cifre anche molto alte.

Twitch è una piattaforma di live streaming di proprietà di Amazon con lo scopo di permettere ai propri utenti di condividere in tempo reale con i loro follower i video delle loro sessioni di gioco con i videogame. Eppure oggi non si trovano solo gamer su Twitch: la piattaforma è divenuta così popolare da allargare i propri temi ad altri settori di intrattenimento.

Gli influencer avranno quindi la possibilità di interagire con i propri seguaci in tempo reale, creando uno scambio di opinioni attraverso la chat e una community sempre più forte. È infatti l’interazione costante a determinare il successo di Twitch: non si tratta solo di una mera fruizione di contenuto.

Come iscriversi alla piattaforma

La possibilità di guardare i video e le dirette presenti su Twitch è aperta anche ai non iscritti al servizio, ma per sfruttare le funzionalità avanzate è necessario registrare un profilo. Iscriversi è semplicissimo: basta entrare nel sito internet ufficiale e premere su “Iscriviti” in alto a destra. Dopo aver scelto nome utente, email e password, è necessario confermare la propria iscrizione cliccando sul link presente nella mail di conferma.

La stessa procedura può essere svolta anche sulle app disponibili per iOS e Android. E addirittura si può usufruire del servizio anche dalla console PlayStattion 4 o Xbox One. Per iniziare a partecipare alle dirette basterà cliccare su uno dei contenuti dell’homepage o cercarla attraverso la barra di ricerca uno specifico utente.

Gli utenti poi possono a questo punto decidere se diventare follower, interagire attraverso la chat, abbonarsi a un canale o sostenere uno streamer attraverso donazioni. È possibile anche fruire di repliche nella sezione “Video” di un canale.

Influencer di Twitch
Twitch è disponibile anche come applicazione iOS e Android

I tipi di abbonamento

È possibile iscriversi, navigare e fruire dei contenuti degli streamer in maniera totalmente gratuita, ma effettuando una subscription si ottengono dei benefici. Per prima cosa gli utenti Amazon Prime possono accedere a Twitch Prime, grazie a cui si evitano le interruzioni pubblicitarie ci si può abbonare gratuitamente a un canale Twitch di uno specifico creator. Per farlo è necessario accedere alle impostazioni del pannello utente, cliccare su “Collegamenti” e premere su “Connetti”, di fianco alla voce “Amazon”.

Oltre a questo, esistono altri tre livelli di sottoscrizione a un canale: ogni mese si possono pagare o 4,99 euro, o 9,99 euro oppure 24,99 euro. Ogni streamer decide in autonomia come utilizzare queste tre fasce di prezzo, sbloccando una serie di funzionalità aggiuntive come contenuti premium.

Un’altra spesa facoltativa sono i bit, un modo per sostenere i propri creator preferiti. Si tratta di una sorta di valuta virtuale acquistabile con l’obiettivo di donarla agli streamer. Si va da un minimo di 100 bit, al costo di circa 2 euro, a un massimo di 25000 bit, al costo di più di 300 euro. Infine, un utente può effettuare delle donazioni volontarie ai creator.

Influencer di Twitch: i 10 streamer più seguiti

Twitch è ormai una piattaforma amatissima, usata ogni giorno da circa 4 milioni di italiani. Indubbiamente i gamer rimangono la community più attiva, ma ci sono molte altre aree di interesse. Nella top10 degli streamer più seguiti figurano solo uomini, una tendenza che si spera si ribalti presto, ma non tutti si occupano di videogiochi. Vediamo dunque chi sono gli “influencer di Twitch“.

Se contiamo il numero dei followers, a vincere è Pow3rtv, pseudonimo di Giorgio Caldarelli che condivide ogni giorno con oltre 1,43 milioni di seguaci partite di Call of Duty e Fortnite. Al secondo posto troviamo invece ilMasseo, username di Edoardo Magro, che è solito chiacchierare con 1,18 milioni di iscritti utilizzando un linguaggio spesso colorito. Chiude il podio ZanoXVII, al secolo Cristiano Spadaccini, che condivide video su Fifa 2021 e Among Us.

Seguono streamer come TheRealMarzaa, Homyatol, Matteo HS, Tumblurr e JustGaBBo. Questi creator, spesso giovanissimi, hanno portato alla ribalta un nuovo tipo di dirette, le “Just Chatting”. Letteralmente sarebbero quattro chiacchiere tra seguaci e influencer: i primi interagiscono in tempo reale tramite la chat, il secondo risponde a domande e curiosità.

Influencer di Twitch
Gli streamer sono in contatto in tempo reale con i propri seguaci

Influencer di Twitch: come diventarlo guadagnando

Guadagnare con Twitch è possibile e potenzialmente molto profittevole: infatti le dirette dei creator con la propria community stanno diventando un vero e proprio lavoro. Il primo passo per monetizzare sono le affiliazioni. Per diventare affiliato bisogna trasmettere per almeno 500 minuti totali in 30 giorni, avere una media di tre o più spettatori simultanei e almeno 50 followers.

Rispettati i requisiti, si riceve una mail contenente un modulo da compilare con informazioni personali e fiscali. Il pagamento può avvenire tramite accredito diretto sul conto corrente, bonifico bancario, PayPal o assegno. Ma attenzione: solo i primi guadagni della fase iniziale possono essere intesi come occasionali. Quando diventano consistenti e continuativi è necessario aprire una Partita Iva.

A questo punto ci sono cinque modi per monetizzare e diventare influencer di Twitch. I primi tre li abbiamo già visti: abbonamenti (di cui il creator percepisce il 50%), bit (per ognuno si guadagna 0,01$) e donazioni. Inoltre non sono da sottovalutare gli annunci pubblicitari, per cui si riceve un gettone ogni 1000 visualizzazioni. Infine troviamo le buone vecchie sponsorizzazioni: le aziende spesso sono disposte a collaborare con gli streamer per un compenso concordato da entrambi.

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.