La NASA riconosce una banda ovale marrone su Giove

Giove

Una singolare banda ovale e marrone è stata identificata nella zona equatoriale meridionale di Giove. La banda era già nota ed esistente ma nessuno strumento, fino ad oggi, era riuscito ad immortalarla in una ripresa da una sonda spaziale.

La particolare caratteristica del pianeta è stata ripresa dalla navicella spaziale Juno della NASA che è riuscita a catturarne scatti mozzafiato. In effetti, Giove è un pianeta caratterizzato da bande alternate chiare e scure.

In molti definiscono Giove “il pianeta dipinto” poiché le sue aree di diverso colore, lo avvicinano molto ad un quadro su tela di un pittore. L’immagine che abbiamo di Giove è unica: il pianeta predispone di una vastità di particolarissime sfumature, dai colori più chiari a quelli più marroncini e scuri.

Da cosa hanno origine le “bande” di Giove?

La peculiarità del pianeta Giove, è frutto della differenza di temperatura. Lo sbalzo termico genera moti gassosi: come già sappiamo, il gas più caldo tende a salire mentre quello freddo tende a depositarsi inferiormente.

Il gas caldo che sale produce delle nubi chiare, ovvero le zone chiare del pianeta. Al contrario, le aree scure sono dovute ai flussi di gas freddo verso l’interno del pianeta. Le aree hanno forma ovale e percorrono l’intero pianeta a causa della rapida rotazione di Giove abbinata poi ai moti gassosi termici.

Inoltre, il pianeta ha la caratteristica di avere più sfumature di colore a causa delle reazioni fotochimiche indotte dalla radiazione solare.

Giove
Il pianeta dipinto

Le zone del pianeta Giove

Il pianeta si distingue in varie zone: la Zona Equatoriale, la Banda Equatoriale Sud (SEB), la Macchia Rossa, la Banda Equatoriale Nord (NEB), la Zona Tropicale Sud (South Tropical Disturbance – STrD), la Banda Temperata Nord (NTB), la Banda Temperata Sud (STB).

Le zone hanno ognuna delle caratteristiche distinte ma molto fluttuanti, possono variare dimensione, intensità, larghezza delle bande e posizione.

Generalmente, la Zona Equatoriale e la Zona Tropicale Sud sono aree molto chiare, la SEB, come la NEB è suddivisa in varie componenti scure separate da zone chiare, la Macchia Rossa è la più affascinante caratteristica gioviana, La NTB è la banda meno percepibile ma più particolare in quanto mostra una colorazione blu.

La navicella spaziale Juno della NASA cattura la banda scura sud-equatoriale

Le bande brune del pianeta Giove sono regioni cicloniche che solitamente si trovano all’interno della zona equatoriale nord di Giove (zona non esposta alla luce). A volte le bande possono trovarsi anche nella zona equatoriale sud del pianeta, anch’essa non illuminata.

Infatti, è proprio questo il caso di interesse: la navicella Juno della NASA è riuscita a riprendere una rara banda marrone sud-equatoriale. La notizia risulta davvero emozionante per gli appassionati di astronomia poiché le bande di Giove sono molto difficili da rilevare.

Le aree monocromatiche del pianeta sono quasi nascoste in esso poiché il loro colore si fonde con l’ambiente buio gioviano.

Giove
Juno NASA

Una foto unica di Giove

Questa volta la navicella Juno è riuscita a immortalare la banda scura di Giove dando origine ad una foto spettacolare (l’immagine è di seguito riportata).

Lo scatto è stato possibile poiché il materiale scuro gioviano si è allontanato per un po’, creando uno sfondo chiaro che ha permesso di far spiccare la zona marrone interessata che è diventa quindi, evidente alla navicella NASA.

Questa ripresa è molto importante perché grazie ad essa, Giove ci offre i primi scorci della sua struttura dettagliata e molto particolare. Lo scatto è avvenuto alle 6:26 PDT il 6 settembre 2018 ovvero alle corrispondenti ore 21:26 in Italia, tutto ciò mentre la navicella spaziale eseguiva il suo quindicesimo viaggio ravvicinato su Giove.

L’immagine è poi stata elaborata dallo scienziato Kevin M. Gill che ha elaborato ed enfatizzato i dati rilevati dalla JunoCam della sonda NASA.

Giove
Immagine fotografata dalla navicella NASA Juno

This post is also available in: enEnglish

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.