Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

Come evitare attacchi hacker in azienda

Ultimamente il problema degli attacchi hacker sta diventando sempre più diffuso e i dati di moltissime aziende rischiano di essere in pericolo. Ma esiste un modo per difendersi da tutto questo: la prevenzione. Per evitare attacchi hacker è necessario conoscerli.

Ultimamente il problema degli attacchi hacker sta diventando sempre più diffuso e i dati di moltissime aziende rischiano di essere in pericolo. Ma esiste un modo per difendersi da tutto questo: la prevenzione. Per evitare attacchi hacker è necessario conoscerli.

Un cyber attacco è una manovra effettuata in modo anonimo volta a colpire sistemi informatici e dispositivi elettronici. Generalmente è costituito da un malware, ovvero un programma malevolo in grado di immettersi all’interno di un sistema senza autorizzazione. Gli scopi di queste operazioni sono furti di dati privati e alterazioni dei sistemi informatici.

La presenza crescente degli individui online ha portato i pirati a sviluppare tecnologie sempre più pericolose per accedere ai dati di utenti e aziende, nella speranza di estorcere informazioni sensibili e con elevato valore economico. Ma proprio come gli strumenti degli hacker, anche le misure di sicurezza informatica si evolvono costantemente, garantendo ai dispositivi una protezione più che valida.

I tipi di attacchi

Dunque per prima cosa è necessaria una conoscenza approfondita dei tipi di cyber attacchi. Ne esistono due grandi famiglie: sintattici e semantici. I primi utilizzano un pezzo di software maligno per infettare e attaccare un dispositivo (virus, worm e trojan). I secondi invece sono costituiti da tecniche di ingegneria sociale volte a modificare informazioni o diffondere notizie errate studiando le abitudini degli utenti online con il fine di trarli in inganno (phishing e ransomware).

I canali di comunicazione più utilizzati dai pirati informatici per diffondere i malware e infettare i dispositivi degli utenti sono email contenenti file allegati o link diretti a siti web, download di programmi in versione free, advertising diretti a URL poco affidabili, dispositivi USB infetti, violazione dei parametri di sicurezza informatica.

Evitare attacchi hacker: i tipi di aggressori

Così come gli attacchi, anche gli aggressori possono differenziarsi. Criminali informatici sostenuti da uno Stato, gruppi organizzati di hacker con interessi economici, “hacktivisti” con scopi ideologici e politici o hacker solitari che rivendono dati riservati nel dark web. La giungla cyber è dunque molto complessa e intricata e i provvedimenti da prendere sono diversi da caso a caso.

Per questo anche i modi per riconoscerli sono differenti e numerosi. Alcuni segnali possono manifestarsi attraverso il calo delle prestazioni del dispositivo, l’elevato utilizzo delle risorse di sistema, la comparsa di pop-up non autorizzati durante la navigazione. Oppure l’antivirus potrebbe smettere di funzionare, o il motore di ricerca aprire tante barre di strumenti indesiderate.

evitare attacchi hacker
Il gruppo di hacktivisti più famoso al mondo è Anonymous

Evitare attacchi hacker: i metodi di protezione

Come già specificato, il metodo più efficacie per evitare gli attacchi è la prevenzione. Bastano pochi accorgimenti per evitare gravi danni e no, un semplice antivirus non è sufficiente. Per prima cosa è necessario investire sulla formazione dei dipendenti in campo di cyber sicurezza. E ciò va di pari passo con l’uso corretto delle password, da modificare scegliendone di univoche, complesse e diverse per ogni account e da archiviare in luoghi sicuri.

Questi primi passi spesso non sono sufficienti. È necessario infatti mantenere anche la tecnologia aggiornata ed eseguire frequente backup di tutti i dati. Infine non è da trascurare il collegamento a reti sicure. Oggi, chi non vede la cyber security come investimento ma come un costo, rischia danni considerevoli. Soprattutto le piccole aziende dovrebbero alzare i propri livelli di attenzione, essendo maggiormente vulnerabili alle minacce per via di una network security spesso non ottimale.

I piani successivi

Quando le precauzioni non sono bastate ad evitare un attacco, è necessario elaborare un piano di difesa. L’azienda deve aver già studiato un modo per procedere. Il business continuity plan è un processo da tenere a mente poiché consente di gestire un cyber crime, garantendo all’azienda di rimanere operativa anche in caso di emergenza. Così si limita notevolmente il tempo di inattività.

Altro termine da ricordare è “disaster recovery plan”. In caso si cada vittima di un attacco hacker prima si analizzano i danni, ovvero i dati persi, e il più velocemente possibile si interviene cambiando tutte le credenziali di accesso. Fondamentale è comunicare l’accaduto ai clienti spiegando cosa è stato perso e come ci si sta muovendo. A questo punto si svolge un audit per individuare la causa dell’attacco (in caso ciò vada oltre le competenze tecniche, si può contattare un revisore di sicurezza informatica).

evitare attacchi hacker
Per proteggere le aziende dagli attacchi hacker è importante la prevenzione
Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.