Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

Il nuovo iPhone SE e il (product)red

La nuova colorazione aiuta i paesi più colpiti dal coronavirus

Il nuovo iPhone SE 2020

Rilasciato a metà aprile il nuovo iPhone SE è disponibile in tre colorazioni e tenta di conquistare il mercato di fascia media.

iPhone SE

Ecco che Apple sferra un colpo al mercato degli smartphone di fascia media a livello mondiale. Lancia infatti l’iPhone SE di seconda generazione, il prezzo sul mercato è di 499 euro.

La scocca di questo nuovo smartphone non si basa più sull’iPhone 5 bensì all’iPhone 8. In effetti è praticamente uguale se non per tre differenze: la posizione del logo Apple, sul lato posteriore sparisce la scritta iPhone e la parte frontale nera per tutte le colorazioni.

Dopo anni in cui la grandezza media degli smartphone (e in particolare degli iPhone) stava crescendo sempre di più, l’iPhone SE sembra fare una retromarcia. Risulta avere comunque uno schermo spazioso, tuttavia rimane uno dei pochi smartphone sul mercato in grado di essere tenuto con una mano sola.

Le sue dimensioni sono 63,3 mm di larghezza, 138,4 mm di altezza, per uno spessore di 7,3 mm, il display è quindi un 4,7 pollici, uno dei più piccoli sul mercato. Anche per quanto riguarda il peso poi si parla di uno strumento più leggero, infatti pesa all’incirca 148 grammi, anche qui un primato nella famiglia degli iPhone.

iphone se
Le tre colorazioni disponibili dell’iPhone SE: nero, bianco e (product)red

Tra gli altri particolari da notare è l’assenza del Face ID. Cioè quella tecnologia che permette il riconoscimento facciale e che sta spopolando sugli smartphone anche di fascia più bassa, qui non c’è. Sembra ironico ma, in tempi non sospetti, l’iPhone SE è stato privato di una tecnologia che comunque molti finiranno per non usare in questo periodo dove saremo costretti ad indossare la mascherina praticamente ovunque tranne che a casa.

Un altro particolare a cui non avremmo fatto molto caso tempo fa è invece la certificazione IP 67. Che garantisce lo smartphone asciutto (almeno internamente) fino a un metro di profondità per circa mezz’ora. Utile in questo periodo in cui spesso si pulisce e disinfetta anche il cellulare.

Torna invece il tasto Home, che forse invece è mancato a chi ha acquistato i nuovi (ormai vecchi) modelli Apple. Sempre per quanto riguarda la scocca parliamo dei colori: si potrà acquistare in nero, bianco e nell’affascinante rosso chiamato (product)red. Tra l’altro per ogni elemento venduto in questa colorazione Apple devolverà il ricavato ai paesi più bisognosi per la lotta al coronavirus.

Ma le vere novità sono all’interno

L’iPhone SE dispone di un Wi-Fi 6, di un Bluetooth 5.0 e lo slot per supportare la dual-sim. Troviamo anche l’LTE per garantire la massima velocità anche quando si tratta di utilizzare la rete mobile. Niente 5G, ma dopotutto non risulta ancora indispensabile.

Ma parliamo del processore: l’A13 Bionic, lo stesso dell’iPhone Pro Max, anche se supportato da una capacità minore di RAM, solo 3 GB invece di 4 del modello superiore.

iphone se
Il nuovo colore dell’iPhone SE, il (product)red, aiuta i paesi più colpiti dal coronavirus

Per quanto riguarda la fotocamera quella presente è da 12 MP a sei elementi. Questa pecca un po’ nelle performance di scatto con scarsa luminosità. Ma per quanto riguarda le prestazioni video non ha niente da invidiare ai modelli più costosi. Inoltre è possibile realizzare infatti filmati a 4K con fino a 60 fotogrammi al secondo.

La batteria purtroppo non è molto performante, infatti con un uso prolungato dello smartphone si riesce ad arrivare appena a fine giornata, di contro però la ricarica è wireless e si completa in un’ora con un alimentatore più performante rispetto a quello in dotazione.

L’iPhone SE risulta un buon prodotto per quanto riguarda il rapporto qualità prezzo, anche se ovviamente bisogna fare qualche rinuncia anche parlando di un prodotto Apple.

 

This post is also available in: English

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.