10 predizioni della fantascienza diventate realtà

La fantascienza è la narrazione di avvenimenti che potrebbero realmente verificarsi in un futuro più o meno prossimo. Anche la più fervida immaginazione ha difficoltà ad immedesimarsi in circostanze per noi assurde, ma talvolta la realtà riesce a superare l’immaginazione. La narrativa e la cinematografia fantascientifica ci ha sempre sorpreso e fatto sognare con tecnologie incredibili, molte delle quali però, con il passare degli anni sono divenute realtà.

Sottomarino e tuta da sommozzatore

fantascienza
Il Nautilus

Il Nautilus è il primo sottomarino della storia dell’umanità, all’epoca, però, lo si poteva vedere solamente con l’immaginazione. Lo troviamo in 20.000 leghe sotto i mari, un romanzo di Jules Verne del 1870. Verne descrive, inoltre, nel suo romanzo tute molto simili a quelle degli attuali sommozzatori e parla dell’energia elettrica che muove il suo Nautilus, come di una forza magica: “un agente rapido, obbediente, potente, che si adatta a qualsiasi uso, e regna sovrano a bordo del mio battello”.

CCTV

Il romanzo di George Orwell, “1984”, scritto nel 1948, parla di un mondo controllato dal Grande Fratello, occhi indiscreti del governo, che controllano ogni movimento della popolazione, proprio come le attuali CCTV. “The Big Brother is watching you” (Il grande fratello ti sta guardando), è lo slogan simbolo del mondo distopico di 1984, decenni prima dell’avvento della videosorveglianza.

Smartphone, tablet e videochiamate

Star Trek

Smartphone e tablet sono ormai oggetti indispensabili nelle nostre vite quotidiane, così come le funzioni che possono svolgere, come le videochiamate. Ma un tempo tutto ciò era inverosimile, e salutarsi faccia a faccia con qualcuno che si trovava dall’altra parte del mondo era considerata semplicemente fantascienza. Nonostante ciò, furono in molti a predire l’avvento degli smartphone multifunzionali e delle videochiamate: 2001:Odissea nello Spazio (1951), Star Trek (1966), Ritorno al Futuro (1985), ecc.

Ingegneria genetica

Il mondo nuovo” è un romanzo distopico di Aldous Huxley, scritto nel 1932, ma ambientato nel 2540. Nel suo romanzo Huxley descrive un farmaco che controlla le emozioni, da lui chiamato “Soma”, prevedendo così gli antidepressivi, i quali verranno studiati dagli scienziati non prima degli anni ’50.

Bomba atomica

Uno dei capitoli più neri della storia della razza umana, la “Bomba Atomica”, fu inventata nel 1935, ma fu predetta da H. G. Wells in un romanzo del 1897, “La guerra dei Mondi”.

Cuffiette

Le cuffiette che quotidianamente utilizziamo per ascoltare la musica, piccole, pratiche e comode erano un tempo impensabili, per tutti tranne che per Ray BradBury, che per la prima volta descrisse un oggetto molto simile agli odierni auricolari, nel 1953, nel romanzo che lo ha reso celebre, “Fahrenheit 451”.

Pannelli solari

Ralph 124C 41+”, è una novella fantascientifica scritta da Hugo Gernsback, nel 1911. Lo scrittore tra le altre cose predisse i pannelli solari, più di 50 anni prima che venissero inventate le prime calcolatrici ad energia solare.

Traduzione in tempo reale

Nel 2014 Google annuncia al mondo di aver implementato il suo traduttore con la funzione di traduzione vocale in tempo reale, è 34 anni prima, però, che se ne parla per la prima volta, nel romanzo “Guida galattica per autostoppisti” di Douglas Smith. Oltre a Google, ora anche Skype ha aggiornato le sue videochiamate con la funzione di traduzione.

Second life

Second Life

Snow Crash” è un romanzo di fantascienza scritto da Neal Stephenson nel 1992. Stephenson immagina un America dominata non più dal governo ma dalle grandi corporazioni, dove si può sfuggire dalla realtà rifugiandosi nel Metauniverso, una realtà virtuale dove chiunque può accedere tramite un avatar, che sarà libero di girare tra città, locali, case ed edifici, un vero e proprio mondo parallelo. Undici anni dopo, nel Giugno del 2003, la LindenLab lancia una piattaforma divenuta famosa a livello globale, “Second life”.

Una moltitudine di previsioni da Ritorno al Futuro

Ritorno al Futuro

Se dobbiamo parlare di Ritorno al Futuro, celebre film fantascientifico degli anni ’80, non possiamo limitarci ad una sola previsione. Si, perché il film è una vera e propria miniera d’oro di previsioni, a partire dai televisori a schermo piatto, agli smartphone ed alle videochiamate, fino ad arrivare agli occhiali per la realtà aumentata. Ma ciò che ai videogiocatori di tutto il mondo non è sfuggito e che hanno con ansia atteso divenisse realtà, sono i videogame giocabili senza alcun joystick.

Tutto ciò era ritenuto impossibile, eppure è divenuto realtà. Per questo motivo lasciamoci trasportare dalla fantasia e chissà se un giorno non riusciremo a toccare con mano la fantascienza di oggi.

This post is also available in: enEnglish

Potrebbe piacerti anche

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.