Cos’è Staramba?

La realtà virtuale sarà una super droga”, sono le parole di Steven Spielberg durante la campagna promozionale di Ready Player One. Ed è solo pochi mesi dopo l’uscita del film che ha fatto conoscere al mondo la realtà virtuale che nelle nostre case arriva davvero il primo mondo virtuale: Staramba.

Staramba è un mondo virtuale con tutto il meglio del mondo reale”.

Il countdown è iniziato, tra meno di una settimana, il 20 Giugno, l’ecosistema di Staramba, il primo mondo in realtà virtuale, apre le porte al pubblico.

La storia di Staramba

Staramba è una compagnia fondata solamente nel 2014, in Germania, quando iniziò con la sua innovativa tecnologia scansionando e realizzando avatar in 3D, identici all’originale, con lo scopo di creare un database di celebrità virtuali. L’anno successivo, nel 2015, le prime celebrità hanno cominciato ad aderire al progetto, come le squadre calcistiche del FC Bayer, Arsenal e Juventus. Nel 2016, invece, oltrepassa l’oceano, approdando negli Stati Uniti dove riceve il consenso di molti. Durante quest’anno altre celebrità del mondo dello sport aderiscono, facendosi scannerizzare e lasciando che Staramba crei il proprio avatar virtuale, sono i calciatori della NFLPA ed i wrestler della WWE. Il 2017 è l’anno in cui il progetto comincia a prendere realmente forma, altre celebrità diventano avatar in 3D del mondo virtuale di Staramba, questa volta non ci sono solamente sportivi, ma addirittura Papa Francesco. A Giugno del 2017 Staramba mostra al mondo il lavoro dei precedenti 3 anni, durante i quali ha accumulato il più grande database al mondo di avatar 3D, parliamo praticamente di oltre 7000 personaggi famosi. A settembre dello stesso anno la società lancia la versione beta di Staramba.space, un mondo virtuale tutto da scoprire. Quest’anno, più precisamente a maggio, dopo l’apertura della “White list” (l’elenco dei personaggi di Staramba), l’universo virtuale apre le porte, esattamente il 20 Giugno 2018.

Il mondo di Staramba

Partecipa alla creazione di un nuovo mondo senza confini”. Il concetto è proprio questo. Staramba inizia con un database di 7000 celebrità, con le quali è possibile interagire, con le quali intraprendere lezioni di canto, ballo, assistere a concerti, ecc. Con un database di già 7000 avatar, Staramba apre le porte a tutti e dal 20 Giugno è possibile iscriversi alla white list ed entrare nel futuro. Dentro Staramba le possibilità sono infinite. Entreremo all’interno di un mondo nuovo senza confini, con una storia da scrivere dal principio. Un libro bianco da riempire. Saremo noi stessi a scrivere la storia del mondo di Staramba, una storia che non deve per forza coincidere con il mondo reale. Dentro il nuovo mondo virtuale potremmo essere noi stessi, grazie ad un avatar iper realistico, ma molto altro ancora. Potremmo connetterci, conoscere e seguire amici, celebrità e perfetti sconosciuti. Potremmo esprimere la nostra creatività, vendere, comprare, realizzare, mostrare agli altri le nostre idee, addirittura guadagnare creando un mondo utopico, partendo dalla bozza creata da Staramba e portandola a termine assieme agli altri utenti. Le possibilità sono infinite.

L’inizio di un nuovo mondo

Il 20 Giugno inizia la prevendita di quello che aspira ad essere il primo mondo virtuale. L’idea iniziale, però, è quella di cominciare con qualcosa di relativamente semplice. Il mondo di Staramba apre i battenti con al suo interno stadi, palchi, palestre, ecc, dove incontrare i propri idoli. L’idea è quella di permettere ai fan di incontrare le proprie celebrità preferite ed alle celebrità di raggiungere i fan, facendogli conoscere il proprio lavoro da vicino. Dopodiché il destino di Staramba è nelle nostre mani, saremo noi a scrivere la storia del mondo che diventerà, il futuro che vorremmo nella realtà con le potenzialità infinite del digitale. Chiaramente, tutto questo muniti di un visore VR, come Oculus Rift DK2.

This post is also available in: enEnglish

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.