10 curiosità sul pianeta rosso

Marte, il quarto pianeta del sistema solare, è da sempre il più osservato, studiato e romanzato. Il pianeta deve la sua fama principalmente al colore rosso che lo incoronò in più di un occasione dio della guerra, del fuoco e/o della distruzione. La credenza che fosse adatto alla vita e forse abitato da creature intelligenti gli ha inoltre donato un primo posto nella narrativa fantascientifica. Le curiosità che nel corso degli anni hanno suscitato l’immaginazione di molti sognatori sono diverse. Tra tutte le curiosità ce ne sono 10 davvero interessanti.

I nomi di Marte

Il quarto pianeta del sistema solare deve il suo nome al Dio romano della guerra, Mars. Ma questo non fu il solo nome attribuitegli nel corso della storia. Per i babilonesi era Nergal, Dio del fuoco, della guerra e della distruzione. Per i greci, invece, era la stella di Ares, Dio della guerra. Per gli indù era Mangala, per gli egiziani Horus. Gli ebrei, invece, lo chiamarono Ma’adim (colui che arrossisce).

La più alta montagna del sistema solareMarte

Il pianeta rosso è uno dei più piccoli del sistema solare, eppure vanta più di un primato. Il monte Olimpo è il monte più alto del nostro sistema solare, svettando per ben 25 km. Anche la sua superficie è impressionante, conta infatti ben 600 km di diametro. Le sue dimensioni sono tali che, guardando dalla cima, le sue pendenze si estenderebbero per tutto l’orizzonte. Anche se lo si osservasse dalla superficie di Marte non si potrebbe godere la sua maestosità, in quanto sarebbe impossibile individuarne il profilo.

La valle più profonda del sistema solare

Le valles Marines, situate a ridosso dell’equatore di Marte, segnano un altro importante record. Questa, infatti, con i suoi 11 km di profondità, è la valle più profonda del sistema solare. Le valles Marines sono così imponenti da essere 10 volte più lunghe, 7 volte più larghe e 7 volte più profonde del Gran Canyon.

Il clima marzianoMarte

Il clima di Marte è, tra tutti i pianeti del sistema solare, quello più simile alla Terra. Ha quattro stagioni che, però, durano il doppio di quelle terrestri, con temperature che variano dai -140° ai 20°.

Il sol

Le giornate su Marte sono leggermente più lunghe di quelle terrestri (24h 39m 35.2 s). Per questo motivo si è dovuta adottare un’unita di misura del tempo diversa per le missioni che vedono come protagonista il pianeta rosso, il Sol (giorno solare medio).

Centro dimagrante su Marte

Essendo Marte più piccola della Terra e con una massa notevolmente inferiore, anche la sua forza di gravità è ridotta. È così che, se un uomo di 100 kg si trasferisse sul pianeta rosso, il suo peso risulterebbe essere di 37.5 kg.

Il tramonto

Marte

Mentre sulla Terra, il pianeta blu, il tramonto è rosso, su Marte, il pianeta rosso, il tramonto è blu.

Rolling Stone

Forse non tutti conoscono il fenomeno delle “Rolling Stone” (pietre rotolanti), le quali seguono un lungo percorso, disegnando una scia dietro di sé. Dopo anni di fantasticherie e leggende, si è scoperto che il fenomeno, che avviene nella Valle della Morte, in California, è causato dallo scivolamento delle pietre sul ghiaccio, spinte dal vento. Incredibilmente è stato osservando lo stesso identico fenomeno anche su Marte, nella regione Nili Fossae.

Prove di vita extraterrestre

Giovanni Schiaparelli riportò che, durante le sue osservazioni, individuò su Marte dei canali. Nel tradurlo in inglese, però, fu riportato “canals”, termine che indica costruzioni artificiali, anziché “channels”, il quale, invece, sta ad indicare canali naturali. Questo creò l’erronea convinzione che il pianeta fosse abitato da forme di vita intelligenti.

100.000 marziani

Marte

La corsa alla colonizzazione di Marte è ormai in corso, ma chi saranno i primi cittadini marziani nella storia dell’umanità? A quanto pare un viaggio di 200 milioni di km non spaventa poi così tanto, dato che sono più di 100.000 i candidati aspiranti cittadini di Marte.

This post is also available in: enEnglish

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.