Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

Aumentare lo spazio di archiviazione del telefono: ecco come

Quattro modi per avere più memoria sullo smartphone

Gli smartphone sono dispositivi ormai fondamentali per la nostra vita e non sappiamo più rinunciarvi. Contengono tutti ciò che ci è necessario, per questo devono sempre avere una prerogativa primaria. Bastano pochi accorgimenti per continuare a usare il telefono senza rischiare di finire lo spazio disponibile

Gli smartphone sono dispositivi ormai fondamentali per la nostra vita e non sappiamo più rinunciarvi. Contengono tutti ciò che ci è necessario, per questo devono sempre avere una prerogativa primaria: tanto spazio di archiviazione. I telefoni da 32 o 64 GB sono già troppo vecchi e poco capienti rispetto a qualche anno fa. Questo ci dice molto sull’importanza che diamo a questi strumenti.

Ma nonostante ci rivolgiamo sempre di più a dispositivi con altissima memoria, questa può ugualmente finire. Infatti più la tecnologia avanza, più le app e i file multimediali, come foto e video ad alta risoluzione, diventano pesanti. È dunque necessario essere preparati in caso ci trovassimo senza spazio di archiviazione.

Prima di tutto bisogna capire come vedere quanta memoria abbiamo ancora da riempire. Basta andare nell’app Impostazioni e cliccare su Generali. Qui si trova facilmente una dicitura riguardante lo spazio disponibile. Se è poco, allora è necessario procedere con alcuni passaggi per aumentare lo spazio di archiviazione del telefono. Vediamone quattro.

Aumentare lo spazio di archiviazione sul telefono: Whatsapp

È una delle app più usate in Italia e proprio per questo diventa subito molto pesante a causa della lunghezza delle chat e del numero dei file condivisi (siano essi audio, foto, video o documenti). Per prima cosa è bene fare pulizia tra i media, aprendo la galleria e accedendo all’album di Whatsapp. Qui si trovano foto e video inviati e ricevuti, facilmente eliminabili con un semplice click.

Ma c’è un modo per eliminare il problema alla fonte. È infatti possibile far sì che le foto e i video ricevuti non vengano salvati automaticamente dal dispositivo, risparmiando così molto spazio e tempo. Basta aprire Whatsapp, e cliccare prima su Impostazioni, poi su Chat. A questo punto è sufficiente deselezionare la voce Salva nel Rullino foto.

Se si vogliono eliminare anche i file audio e i messaggi vocali, allora è necessario gestire direttamente l’archivio Whatsapp andando su Impostazioni, Utilizzo dati e archivio e infine Utilizzo archivio. Si possono così eliminare gli elementi inutili cliccando su Svuota.

Aumentare lo spazio di archiviazione del telefono
Whatsapp occupa moltissima memoria a causa di chat e file condivisi

App superflue e aggiornamenti

Sembrerà un consiglio banale, ma spesso si riempie il telefono di app apparentemente utilissime ma poi inutilizzate. Meno applicazioni si hanno, più l’autonomia e le prestazioni del dispositivo saranno migliori. Bisogna dunque provare a fare attenzione a ciò che si scarica, prediligendo le app veramente importanti ma soprattutto quelle che occupano meno memoria. Per verificare quest’ultimo requisito basta andare su Impostazioni, Spazio d’archiviazione e App. A questo punto apparirà l’elenco delle più pesanti.

Altro aspetto da non sottovalutare sono gli aggiornamenti. Essi sono utili per risolvere problemi di esecuzione delle app e migliorare le funzionalità dello smartphone. Eppure gli update occupano molto spazio, dunque se si è a corto di memoria è meglio per il momento non installarli.

Aumentare lo spazio di archiviazione sul telefono: le foto

I nostri scatti, senza che ce ne accorgiamo, occupano gran parte dello spazio di archiviazione. Dopo mesi e anni di momenti catturati, non ci rendiamo conto dell’effettivo numero di foto e video presenti in memoria. Niente paura, non è necessario procedere all’eliminazione dei file! Ci sono due modi più sicuri di conservare i nostri ricordi.

Per coloro che hanno un dispositivo Android esiste Google Foto. Questa app crea automaticamente un backup di immagini e video realizzati o scaricati su smartphone. È un servizio gratuito e illimitato. L’unico difetto: le foto possono avere una risoluzione massima di 16 megapixel, mentre i video devono avere una qualità massima di 1080p. I file con una maggiore definizione vengono automaticamente compressi.

Per coloro che invece possiedono un iPhone, esiste un corrispettivo di Google Foto creato da Apple: iCloud. È necessario aprire le impostazioni e selezionare prima Foto e fotocamera, poi Libreria foto di iCloud. Così il dispositivo effettua un backup delle immagini abbassando leggermente la risoluzione. Il difetto di questa applicazione è che ha anch’essa un limite di spazio di 5GB, espandibile pagando un piccolo canone.

Aumentare lo spazio di archiviazione del telefono
Tanti scatti occupano gran parte dello spazio di archiviazione

Musica e libri

Un altro tipo di file da tenere d’occhio è quello musicale. A chi ancora scarica canzoni in mp3, l’unico consiglio che si può dare è passare ad applicazioni di streaming, come Spotify o Amazon Music. Ciò consente di avere la memoria meno satura ma poter ascoltare i propri brani preferiti e scoprirne di nuovi.

Stesso discorso vale per i documenti, soprattutto i libri, scaricati da Internet. Accumularne troppi serve solo a occupare memoria: sono infatti file molto pesanti ed è possibile eliminare quelli già letti con un semplice click.

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.