Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

Firma Digitale. Cos’è e a cosa serve?

Oggi parliamo di firma digitale, l’equivalente informatico di una tradizionale firma autografa apposta su carta. Utile, anzi necessaria, vediamo cos’è e a cosa serve.

La firma digitale è l’equivalente informatico di una tradizionale firma autografa apposta su carta. Ha determinate caratteristiche, vediamo cos’è e a cosa serve.

L’utilizzo della firma digitale

L’utilizzo di questa firma permette di snellire significativamente i rapporti tra Pubblica Amministrazione e cittadini. È utilissima anche per le aziende che grazie ad essa riducono drasticamente la gestione in forma cartacea dei documenti.

Con essa è possibile sottoscrivere digitalmente qualsiasi documento elettronico, come ad esempio fatture, comunicazioni alle Pubbliche Amministrazioni, contratti, etc.

firma digitale
La firma digitale è uno strumento utile per la digitalizzazione e autenticazione di documenti legali e per la Pubblica Amministrazione.

Per ottenerla ci sono due modi: rivolgersi direttamente alle Camere di commercio oppure a degli intermediari che abbiano un mandato da una Camera di commercio. L’importante è che insieme ad essa vengano rilasciati il certificato digitale di firma e la CNS, legata soprattutto a chi ha la necessità di usare la firma digitale per firmare documenti legali.

Una volta ottenuta la firma, la si presenta con un dispositivo smart card o chiavetta USB, all’interno del quale viene inserito il certificato digitale di sottoscrizione. Con questi strumenti il titolare può firmare digitalmente i propri documenti in qualsiasi momento.

CNS – Carta Nazionale dei Servizi

Il certificato CNS, o Carta Nazionale dei Servizi, viene rilasciato su supporto smart/SIM card insieme al certificato di firma. Di solito è incluso nell’acquisto del Kit di firma digitale ed è lo strumento che consente l’identificazione certa dell’utente per l’accesso ai servizi online della Pubblica Amministrazione, come ad esempio l’Agenzia delle Entrate.

La CNS risulta essere utile non solo per i cittadini, ma anche per le aziende e per alcune categorie di professionisti che la utilizzano per l’autenticazione ai punti di accesso telematici o per lo scambio di informazioni con le Pubbliche Amministrazioni.

Come funziona la firma digitale

Abbiamo capito questo tipo di firma ha due principali funzioni: quella di tutelare l’integrità e l’autenticità del documento, tutelando anche l’identità del titolare della firma.

Riesce nel suo compito tramite un sistema di chiavi asimmetriche a coppia, una pubblica e una privata correlate tra loro. La prima è a disposizione di tutti e serve per accertare la provenienza del messaggio/documento sottoscritto da chi dichiara di essere l’autore.

La chiave privata è legata esclusivamente all’autore della firma, che acquisisce un esclusivo controllo sul messaggio/documento che sta redigendo.

Questo sistema combinato dà validità legale a ciò che si scrive e lo rende indelebile e non modificabile. Non solo. Permette anche di semplificare e velocizzare i flussi che prevedono invio e validazione di documenti tramite l’utilizzo degli strumenti digitali.

Firma digitale e PEC

Vi starete chiedendo se c’è differenza con la PEC, ovvero l’email ufficiale con cui poter sottoscrivere messaggi diretti alla Pubblica Amministrazione, al commercialista, etc.

firma digitale e PEC
Rispetto alla firma digitale, la PEC è un indirizzo di posta certificato che attesta l’autenticità di ciò che si riceve ed invia, ma non l’identità di chi scrive.

La PEC è quindi uno speciale tipo di email che permette di inviare o ricevere messaggi di testo e allegati con lo stesso valore giuridico di una raccomandata con ricevuta di ritorno. Questo strumento garantisce la titolarità della casella del mittente o dei messaggi inviati, ma non l’autenticità dell’identità di chi scrive. Per questo serve per forza la firma digitale.

This post is also available in: English

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.