Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

Rooms, le stanze per incontrare gli amici, su Facebook

Facebook rooms

Siamo chiusi in casa in quarantena da due mesi ormai e, se anche adesso sembra che la situazione stia migliorando, dobbiamo continuare a tenere duro, perché ancora non è tutto finito. Ci è stata concessa qualche piccola libertà possiamo rivedere i parenti, con le dovute precauzioni. Tornando al lavoro rivediamo i colleghi. Riassaporiamo il caffè del bar, d’asporto. Ma ancora non possiamo tornare a fare tutto quello che facevamo prima. Dobbiamo tenere ancora duro per evitare che tutti gli sforzi fatti fino ad ora risultino vani. Non possiamo, quindi, vedere gli amici. Non dal vivo per lo meno, non ancora. E ci sono ancora lo smartworking e le video lezioni. Per questa ragione le videochiamate rimangano ancora, nella fase 2, una risorsa essenziale. Proprio a proposito degli amici ci viene in soccorso Facebook. Con Rooms possiamo incontrare i nostri amici in una stanza, virtuale.

Facebook lancia Rooms in tempi record

Rooms è la soluzione semplice e veloce di Facebook per far fronte ad uno dei problemi che stiamo affrontando nel corso di questa emergenza. In particolar modo in Italia, infatti, la piattaforma è stata lanciata in tempi record ed è già disponibile, proprio per dar modo agli utenti di utilizzarla durante la quarantena.

La compagnia di Zuckerberg, infatti, ha visto un incremento delle videochat di WhatsApp e di Messenger di, addirittura, il 1.000%. Proprio WhatsApp, infatti, per venire in contro agli utenti costretti a casa dalla quarantena, amplia le videochat da un numero massimo di 4 partecipanti a 8.

Facebook Rooms
Le stanza virtuali di Facebook Rooms

Ma non basta. Vi ricorderete senza dubbio il sogno, sempre più vicino, di Zuckerberg, di unire tutti i suoi social network e app di messagistica istantanea, sotto un’unica grande piattaforma. Il sogno incomincia ad essere tangibile e allungando una mano si può già toccare.

Rooms è un passo avanti in quella direzione, dato che le “stanze” virtuali possono essere raggiunte da Facebook e Messenger e, ben presto, anche da WhatsApp, Instagram e Portal.

Ma unire tutte le piattaforme e aiutare gli utenti a sentirsi più vicini anche in quarantena forse non è tutto. Facebook dichiara guerra alle piattaforme che in queste ultime settimane hanno spopolato come Zoom e HouseParty. Perché nessuno può permettersi di registrare più utenti del re dei social network.

Come funziona Rooms

Zuckerberg presenta Rooms come una piattaforma dove fare videolezioni o lavorare, ma, in realtà, le sue particolari funzioni lo rendono perfetto per un’uscita tra amici. Le stanze virtuali di Facebook, infatti, sono personalizzabili, grazie ai filtri e alle location che vanno dalla spiaggia alla festa di compleanno.

Facebook Rooms
Facebook Rooms sfida le piattaforme per videochiamare

In ogni stanza si possono incontrare fino a 50 persone. Il creatore della stanza può invitare gli inviti tramite link e decidere se chiuderla ai soli invitati o lasciarla aperta, così da fare nuove amicizie, anche in quarantena.

Come creare una stanza

È possibile creare una nuova stanza su Rooms con Facebook, sia da desktop che da mobile. Nella nostra home page, in cima al feed troveremo l’icona di una videocamera con la scritta “crea una stanza”. Anche su messenger possiamo trovare l’icona della videochiamata nella pagina principale e cliccare su di essa per creare la nostra room.

Una volta aperta la stanza toccherà organizzarla. Scegliamo l’ora d’inizio della videochiamata, il tema del meeting (lavoro, scuola, aperitivo con gli amici, riunione di famiglia). Creata la stanza avremo il link ad essa e collegata e possiamo scegliere se lasciarla aperta, pubblicare il link o mandarlo ai soli diretti interessati.

Il creatore della stanza dovrà essere presente per aprirla all’ora e alla data indicata, potrà decidere di eliminare alcuni dei partecipanti e potrà chiuderla in qualsiasi momento quando l’incontro sarà terminato.

This post is also available in: English

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.