Ikea e Sonos: un’alleanza per la musica del futuro

La musica del futuro? È già qui grazie a Ikea e Sonos

È notizia di questi giorni, infatti, la nascita di un nuovo ambizioso progetto che trae origine dalla collaborazione tra i due colossi del mondo dell’home design.

Ikea e Sonos

L’obiettivo dichiarato è ambizioso e, al tempo stesso, stimolante: inserire le casse Sonos all’interno dei mobili Ikea permettendo così ai clienti di guadagnare spazio all’interno delle proprie abitazioni e di respirare l’aria dell’innovazione.

Che Ikea sia all’avanguardia nel proporre soluzioni innovative è noto da tempo. Del resto, in un settore concorrenziale come quello dell’arredamento, l’innovazione rappresenta un elemento fondamentale per riscuotere successo presso il pubblico di riferimento.

Ikea è sicuramente uno dei brand più amati dal grande pubblico, ma per preservare nel tempo il trend di crescita è importante stimolare continuamente i clienti con l’introduzione di prodotti innovativi e all’avanguardia. Nel caso di Ikea, inoltre, tutto ciò deve essere coniugato con la capacità di contenere i prezzi.

E allora, l’accordo tra Sonos e Ikea non fa che ben sperare. Da una parte c’è appunto il gigante del mobile low cost, dall’altra una società famosa per i suoi sistemi audio per la casa. La collaborazione si pone come terzo atto dell’iniziativa Ikea Smart Home: il primo passo del progetto è stato il lancio nel 2015 di una linea di prodotti con sistema di ricarica wireless Qi integrata negli elementi d’arredo, il secondo è stato il lancio dei suoi prodotti di illuminazione smart nel 2016.

L’obiettivo di IKEA

Il desiderio dell’azienda svedese è quello di mettere a disposizione dei propri clienti la musica preferita in ogni angolo della casa.

I prodotti Sonos supportano già numerosi servizi di streaming musicale sia gratuiti che in abbonamento come Spotify e Apple Music, ma soprattutto integrano i principali assistenti virtuali quali Alexa e Google Assistant.

La partnership dovrebbe vedere la luce nel corso del 2019. I dettagli del progetto non sono ancora stati presentati: potrebbe trattarsi della semplice vendita della gamma esistente di diffusori Sonos oppure, come auspicano i più, potrebbe trattarsi dello sviluppo di una linea di prodotti innovativi studiati ad hoc. Il modus operandi, comunque, resterà presumibilmente il medesimo, ovvero quello di offrire il meglio possibile alla sua clientela ad un prezzo più basso dei competitor. In questo modo la tanto sognata smarthome potrebbe diventare davvero alla portata di tuttiIKEA e Sonos

In merito, il portavoce di Ikea ha dichiarato: “In Ikea ci sforziamo di realizzare soluzioni per la vita domestica, integrando nei nostri mobili tecnologie che siano economiche e facili da utilizzare, rendendo così la domotica accessibile a tutti. Insieme a Sonos vogliamo estendere a tutti musica e suoni in casa, e creare prodotti che consentano alle persone di ascoltare musica insieme nella propria abitazione. Collaborando con Sonos, vogliamo combinare il design d’arredo di Ikea con l’esperienza di Sonos nel campo della musica casalinga di qualità”.

Gli intendimenti, quindi, risultano chiari e ambiziosi e i protagonisti in campo sono sicuramente garanzia di successo immediato.

La qualità ripaga

Qualche anno fa Ikea aveva provato a buttarsi nel mondo della tecnologia. Offriva televisori e impianti stereo low cost prodotti da altri che tutto sommato se la cavavano, anche se non erano proprio il top. Ora però gli svedesi cambiano strada e puntano alla qualità. Stavolta, infatti, Ikea ha scelto Sonos, uno dei più noti produttori di impianti musicali domestici senza fili.Ikea e Sons

Restano da conoscere i dettagli, ovvero scoprire in che modo questa soluzione sarà integrata nei mobili, come si posizionerà sul mercato, quale seguito avrà e il prezzo per il grande pubblico.

Le case saranno sempre più smart, il futuro ormai è segnato. Ora non resta che aspettare di capire come suonerà la musica del futuro…

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Accedi con



This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.