Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

Iper ricarica smartphone

Iper ricarica per il tuo smartphone, ovvero come fare a non rimanere più senza batteria nel cellulare anche quando sei fuori casa e dimentichi il caricabatterie. Vediamo!

Oggi scopriamo la novità del 2022 per ricaricare lo smartphone, ovvero l’iper ricarica che darà un’impennata al mercato tecnologico cinese. Cosa faranno Samsung ed Apple? Scopriamolo!

Iper ricarica = Potenziamento smart

I caricabatterie negli ultimi anni hanno fatto passi da gigante, insieme agli smartphone stessi che mano mano stanno acquisendo sempre più autonomia di durata.

Fino ad un paio d’anni fa uscire di casa senza un power bank per ricaricare quando necessario il telefonino era quasi impossibile. Adesso le batterie durano giornate intere, ma soprattutto anche le auto sono diventate smart e ricaricano il telefono in un batter d’occhio.

iper ricarica power bank
Fino a pochi anni fa era impensabile uscire di casa senza portare con sè un power bank

Nel 2022 assisteremo ad un potenziamento smart delle batterie di molti degli smartphone in commercio. Una iper ricarica che metterà tutti d’accordo e che renderà due smartphone in particolare in cima alla lista degli acquistabili.

Stiamo parlando di Oppo e Xiaomi che cercheranno di spingersi oltre Samsung e Apple.

Pronti per le novità Oppo e Xiaomi?

I primi modelli che nel 2022 presenteranno tra le loro caratteristiche questa iper ricarica capace di rendere fino a 26h in termini di durata e prestazioni saranno OnePlus 10 e altri modelli della marca Oppo.

OnePlus 10 in particolare – soprattutto nella variante Pro – sarà il modello che darà filo da torcere a Samsung e Apple (almeno secondo le indiscrezioni del web).

Apple risponderà rendendo i suoi iPhone 13 più competitivi con una batteria da oltre 25watt e lo stesso farà Samsung con i suoi Galaxy. Riusciranno a raggiungere gli standard di questa nuova iper ricarica? Una cosa è certa: nel 2022 i due big del mondo mobile dovranno alzare l’asticella e proporre sempre qualcosa di nuovo per tenere il passo con i modelli Android che provengono da Cina e Corea che sempre di più propongono modelli potenziati a prezzi piccolissimi.

Cosa farà l’iper ricarica?

A quanto pare potrà ricaricare una batteria di 5000 mAh in soli 20 minuti. Come? Grazie al supporto con ricarica rapida da 125 watt.

Già Xiaomi 11T Pro può ricaricarsi a 120 watt. Dal 2022 avremo a disposizione OnePlus 10 Pro, Realme GT 2 Pro e Oppo Find X4 che saranno ancora più efficienti in fatto di ricarica.

iPhone al momento regala prestazioni più limitate in termini di ricarica. Riuscirà a mantenersi al passo? Forse punteranno come al solito su altri fattori, più estetici.

Comfort previsti

Pronti a conoscere i comfort che questa iper ricarica promette ai suoi utenti compratori? Primo tra tutti la velocità di ricarica.

Lo abbiamo detto: in appena venti minuti il telefono da completamente scarico tornerà operativo e pieno di vita. C’è poi il fatto che al crescere della potenza di ricarica salgono anche le temperature del dispositivo. Non nel caso di questi smartphone che monteranno un sensore di temperatura che terrà d’occhio il livello di calore del telefono.

iper ricarica e power bank
L’iper ricarica funzionerà come un power bank con un’accortezza in più: ci dirà quando è il momento di mettere in pausa l’utilizzo dello smartphone. In pratica, si autoricaricherà un pò ogni volta che lo mettiano in stand by. Comodo, no?

Ricordiamo: uno stress maggiore della batteria sottopone lo smartphone a maggiore usura. Perciò sarà importante che nel momento in cui il sistema ci mostra che la temperatura si sta alzando, dovremmo raffreddare opportunamente il telefono.

Il comfort della nuova iper ricarica sta nel capire quando è il momento di smettere di utilizzare lo smartphone per lasciarlo riposare. I cinesi in questo senso sono stati bravi a capire che anche i telefoni hanno bisogno di una pausa e l’iper ricarica potrà anche far sì che la batteria si ricarichi da sola quando non è in uso. Comodo no?

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.