Vecchie abitudini sostituite da internet

Oggigiorno non potremmo vivere senza una connessione internet. Ogni attività quotidiana, abitudini, servizi, ogni cosa è a portata di click. Quasi ci dimentichiamo come era la vita prima di internet. Eppure gli smartphone arrivavano appena un decennio fa e fino ad allora internet era segregato ai computer, i quali anch’essi non erano nelle case di tutti. Ma quali sono quelle vecchie abitudini sostituite da internet?

Chiamare e messaggiare

vecchie abitudini

Ormai tutte le compagnie telefoniche si sono dovute adattare alla nuova generazione costantemente connessa ad internet.

Con Whatsapp, Messanger, Facetime, Telegram, ecc, infatti, per chiamare e messaggiare si utilizza la rete internet. Ed allora ecco fioccare offerte con sempre più giga, ma chi si ricorda quando per inviare messaggi bisognava attendere la Christmas Card?

E durante il resto dell’anno per ricordare a qualcuno che era nei nostri pensieri facevamo lo squillo, quel gesto che valeva più di mille like su Facebook.

Cercare un numero telefonico

Era il 1878 quando usciva il primo elenco telefonico, con nomi e rispettivi numeri fissi. Quello per oltre un secolo è stato l’unico modo per rintracciare qualcuno. Adesso, invece, bastano pochi click su Facebook.

Consultare l’enciclopediavecchie abitudini

Tutti fino ai primi anni 2000 avevano un enciclopedia in casa. Riempiva scaffali e scaffali della libreria, con grossi tomi che racchiudevano praticamente ogni nozione.

Era l’unico strumento per una ricerca scolastica e per farla occorreva trascriverla. Con l’avvento di internet sono nate le enciclopedia online, con una serie pressoché infinita di informazioni.

Se lo si usa nel modo corretto internet ci dona la cultura.

Richiedere l’aiuto di un esperto

Siamo nell’era dei tuttologi, come si sente spesso dire. Oggi chiunque abbia un problema si limita a navigare sul web e si improvvisa dottore, meccanico, cuoco, elettricista, idraulico, e sono sempre meno quelli che ancora si fidano degli esperti.

Questo spesso può rivelarsi un problema, non bisogna confondere una ricerca su Google con una laurea o con anni ed anni di esperienza.

Scambiarsi bigliettini in classevecchie abitudini

I bigliettini circolavano regolarmente tra i banchi di scuola. Tra il brivido di non farsi sgamare dai prof si passavano soluzioni dei compiti in classe e dichiarazioni d’amore.

Ora è sempre più insolito trovare ragazzi che percorrono questa via, un veloce messaggio su Whatsapp è molto più pratico.

Cercare vecchi amici

Ciao quanto tempo, e che fine ha fatto Marco della 3B? State ancora insieme?”. Una volta finivamo le scuole e pian piano perdevamo ogni notizia delle vecchie amicizie. Organizzare una cena di classe richiedeva tempo ed impegno. Oggi possiamo stalkerare anche chi tra di essi si è trasferito all’altro capo del mondo.

Cercare lavoro

vecchie abitudini

Prima per cercare lavoro si spulciava tra gli inserti dei giornali o si percorrevano chilometri a piedi consegnando pile di curriculum, adesso il web è pieno di siti di annunci di lavoro.

Organizzare un viaggio in agenzia

Chi era in grado di organizzare un viaggio da solo fino a pochi anni fa? Per poterlo fare occorreva recarsi in agenzia, passare ore a spulciare hotel, trovare il biglietto aereo, ecc, assieme a loro.

Adesso le agenzie di viaggio stanno scomparendo. Tutte le informazioni necessarie le troviamo su internet e con un viaggio fai da te, spesso, riusciamo a far combaciare al meglio le nostre esigenze con le nostre tasche.

Leggere il giornale

vecchie abitudini

Come tutte le altre informazioni anche la cronaca si è spostata dai quotidiani al web.

Sempre più persone preferiscono leggere le news online piuttosto che acquistare un giornale, i quali inevitabilmente andranno a scomparire.

Discoteche e librerievecchie abitudini

Stesso destino per i libri cartacei, che fino a pochi anni dovevamo andare a comprare in libreria, ed i dischi di musica, che trovavamo nelle discoteche, adesso tutto è a portata di click, una delle vecchie abitudini che più segnano la società.

Scrivere una letteravecchie abitudini

Le vecchie indimenticabili lettere scritte a mano, così come le cartoline ricordo delle vacanze, che spedivi inevitabilmente l’ultimo giorno di vacanza, dicendo ci vediamo presto, ma poi tornavi a casa prima di loro.

Ora non esistono più (eccetto per i nostalgici). Una email formale o qualche messaggino in più hanno sostituito le lettere. E per sapere come vanno le vacanze dei nostri cari basta aprire il loro profilo social.

Consultare una mappavecchie abitudini

Come tutta la carta stampata, anche le vecchie mappe stradali stanno sparendo, sostituite da GPS e smartphone, che, soprattutto in questo caso si rivelano decisamente più pratici e veloci.

Guardare una serie TV… senza spoiler

Per gli amanti delle serie TV, non disperate quando dovete aspettare la prossima puntata su Netflix, una volta per vedere un telefilm bisognava vederlo in TV, una sera a settimana, e se per caso saltavi una puntata era persa per sempre.

C’è da dire però che nessuno sapeva quello che sarebbe successo e attendevi la settimana con ansia per saperlo. Ora invece dobbiamo navigare su internet con una mano sugli occhi se vogliamo evitare gli spoiler.

This post is also available in: enEnglish

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.