Walmart: tutti i dettagli sui robot implementati dalla nota catena americana

WalMart

La Walmart Stores Inc., nota multinazionale statunitense proprietaria dell’omonima catena di negozi al dettaglio e fondata da Sam Walton nel 1962, sembra aver abbracciato appieno il concetto di rivoluzione industriale 4.0. In questi giorni, infatti, si è diffusa la notizia dell’implementazione di 50 robot in altrettanti punti vendita, allo scopo di compiere in maniera più efficiente e rapida le mansioni ritenute “scomode” dai dipendenti, aiutandoli così a migliorare la propria resa produttiva.

Walmart, dunque, ha seguito la strada intrapresa da Amazon nello sperimentare l’automazione nei propri stabilimenti, ma iniziano ad emergere i primi dubbi su una possibile disoccupazione di massa che lascerà interamente il posto di lavoro alle intelligenze artificiali. Nel nostro articolo abbiamo deciso di raccogliere tutti i dettagli confermati inerenti alla proposta lanciata da Walmart.

Walmart: arrivano i robot che lavoreranno con gli esseri umani

Ad illustrare l’ambizioso progetto ci ha pensato Jeremy King, Chief operating Officer di Walmart, il quale ha affermato che lo scopo primario consiste nel rendere più agevole e rapido lo stoccaggio dei prodotti, risparmiando tempo prezioso ai dipendenti che in questo modo potranno dedicarsi ad aiutare i clienti che ne avranno bisogno. I retailer perdono vendite importanti ogni volta che un consumatore va ad informarsi su di un prodotto fuori stock ed è per questo che tale difetto deve essere arginato. Queste le sue dichiarazioni:

“Se un dipendente è intento a correre su e giù per il corridoio del negozio ed un cliente gli va a domandare la disponibilità effettiva di un prodotto, tenderà a rispondere in maniera frettolosa ed è sperimentato che tale compito non vada a genio a molti. I robot sono più efficienti degli umani del 50% e riescono a controllare gli scaffali ad una velocità di ben tre volte superiore. Non si tratta di sostuirli, dunque, ma di affiancarli e migliore la propria resa produttiva”

I robot saranno alti due metri e dotati di apposite telecamere grazie alle quali potranno controllare i prodotti in scadenza e quelli messi fuori posto dai clienti che cambiano idea all’ultimo momento, dopo averli messi e tolti dal carrello, per poi appoggiarli dove capita. Si muoveranno da una corsia all’altra del supermercato, in totale agiatezza, e terranno d’occhio anche i prezzi mancanti o errati e le etichette dei prodotti. Non bisognerà temere la concorrenza dell’intelligenza artificiale, dunque, bensì essere disposti ad accoglierla a piene mani. Ecco un breve video esplicativo, pubblicato sul canale Youtube ufficiale di Walmart:

Walmart e l’e-commerce: una spinta versa il futuro

Oltre a migliorare l’efficienza dei propri punti vendita, Walmart si sta impegnando duramente nell’ampliare la propria presenza digitale attraverso l’acquisizione di store online come ShoeBuy, Moosejaw, Bonobos, Parcel, e Hayneedle. Il tutto fa parte di una strategia di posizionamento ben precisa, come affermato da Marc Lore, capo dell’e-commerce di Walmart, che permetterà alla nota catena americana di dominare l’intera categoria ed aumentare il fatturato nei prossimi due anni.

Da segnalare anche l’annuncio della creazione di Store No. 8, un grande HUB interno che permetterà alla nota catena di creare e supportare nuove startup direttamente in casa. In questo complesso architettonico sarà possibile studiare le tecnologie ancora in fase di rodaggio, implementare la realtà virtuale, e stringere accordi commerciali con gli imprenditori che vogliono puntare sull’intelligenza artificiale. L’obiettivo di Walmart resta ancora quello di competere con lo strapotere di Jeff Bezos, creatore di un vero e proprio impero commerciale, ed offrire spedizioni veloci in tutta la Nazione. Secondo Lore, infatti, Walmart sarebbe già in possesso di un’infrastruttura in grado di assicurare spedizioni di prodotti per l’87% della popolazione degli States, ed il suo sviluppo è ormai imminente. Quello che è certo, dunque, è che la sfida tra i colossi del settore verrà combattuta a colpi di robot e tecnologie all’avanguardia.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.