Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

Optimus Tesla: il robot umanoide di Elon Musk

L'ultima bizzarra idea di Musk è la creazione di un robot umanoide

Esiste un campo tecnologico che guarda al futuro in cui Elon Musk non si sia cimentato? Evidentemente no: da poco è stata infatti resa pubblica l’ultima delle sue trovate. Dopo l’impegno nella mobilità elettrica e le imprese spaziali, il fondatore di Tesla ha in mente la creazione di un robot umanoide. Optimus si occuperà di servire l’uomo compiendo mansioni pericolose o noiose

Una delle immagini della presentazione di Elon Musk

Esiste un campo tecnologico che guarda al futuro in cui Elon Musk non si sia cimentato? Evidentemente no: da poco è stata infatti resa pubblica l’ultima delle sue trovate. Dopo l’impegno nella mobilità elettrica e le imprese spaziali, il fondatore di Tesla ha in mente la creazione di un robot umanoide.

Finora ne abbiamo parlato soprattutto in termini fantascientifici, ma è possibile che in pochi anni questa possibilità diverrà realtà. Si chiamerà Optimus, come ha annunciato lo stesso Musk durante il Tesla AI DAY, l’evento dedicato all’intelligenza artificiale. Il robot avrà la funzione di servire l’uomo.

Ancora non si sa nulla di concreto sulle funzioni specifiche o le caratteristiche tecniche del prodotto. L’annuncio ha fatto però già di per sé molto scalpore. Vediamo dunque le poche informazioni che siamo riusciti a ricavare dal discorso di Musk. Con Optimus Tesla potrebbe davvero superare anche la più fervida immaginazione.

Optimus Tesla: le caratteristiche fisiche

Chiariamo subito un punto: per far sì che un robot arrivi a imitare in tutto e per tutto un umano nella mobilità e nei gesti con fuidità ci vorranno decenni. Eppure questo è solo un piccolo vezzo, perché per svolgere le funzioni per cui verrà creato, Optimus non avrà bisogno di essere completamente identico all’uomo.

Certo, la sua forma ne ricorda i lineamenti: è costruito come un corpo umano, bipede, dell’altezza di 173 centimetri e del peso di 57 chili. Inoltre è stato progettato per avere uno schermo sulla testa, su cui il suo possessore riceverà informazioni o immetterà ordini.

All’interno del “corpo” saranno presenti hardware per il machine learning e videocamere: ciò permetterà a Optimus di riconoscere l’ambiente circostante e muoversi di conseguenza, nella maniera più corretta e utile possibile.

Optimus Tesla
Una delle diapositive della presentazione di Elon Musk

I compiti del robot umanoide

L’obiettivo di Optimus sarà servire l’uomo, aiutandolo nei compiti più difficili e noiosi. Trasportare oggetti, montare mobili, apparecchiare la tavola, innaffiare le piante, insomma: potrà fare tutto ciò che gli chiederemo. Ma, per portare al massimo utilità ed efficienza, potrà anche svolgere compiti nel settore industriale e quindi fornire un valore economico aggiunto.

Secondo le prime notizie, sarà capace di trasportare fino a 20 chili e sollevare fino a 68 chili. Camminerà al massimo a 8 km/h, quando un uomo, ma non saprà correre. La sua funzione principale è infatti afferrare e trasportare oggetti, dunque la parte che più di tutte verrà studiata saranno le mani, con dita sensibili e capaci di movimenti molto specifici.

Questo progetto integra l’esperienza di Tesla nel campo dell’intelligenza artificiale, e le competenze hardware e software utilizzate già nelle loro macchine, come ad esempio l’assistenza vocale e il pilota automatico.

Optimus Tesla
Una delle immagini della presentazione di Elon Musk

Optimus Tesla: quando sarà pronto?

In realtà all’evento Tesla, durante la presentazione, Musk non ha fornito l’informazione più importante: quando potremo usufruire del robot umanoide. Si tratta infatti di un progetto appena avviato, che deve essere messo in pratica e testato per molto tempo.

L’idea è giunta alla mente del fondatore della compagnia pensando alle proprie auto. Musk le ha infatti definite “robot su ruote”: perchè allora non eliminare la componente automobilistica e concentrarsi si quella robotica, creando un umanoide? Un nesso logico così strano poteva essere opera solo di Elon Musk, che da sempre ha sostenuto l’innovazione senza paura e senza limiti.

Eppure, anche lui è ancora legato al mondo fantascientifico: scherzando, ha affermato che il prodotto verrà creato appositamente più debole dell’uomo per far sì che, se un giorno sviluppasse un’intelligenza superiore e volesse ribellarsi, non riuscirebbe a soggiogarci. “Certo, non accadrà, ma non si sa mai!” ha affermato ridendo.

Optimus Tesla
Una delle automobili Tesla, definite da Muks “robot su ruote”
Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.