Informazione Tecnologica

Google Home e domotica: come saranno le case del futuro

Con l’introduzione nel mercato e, in generale, nella vita degli utenti di dispositivi come Google Home, Amazon Echo, ecc. ci si chiede sempre di più come potranno presentarsi le abitazioni del domani e quali servizi e caratteristiche potranno offrire.

Google Home - Domotica
Google Home

Di certo ciò che appare abbastanza chiaro è che tutti i colossi mondiali si siano in qualche modo concentrati, nel corso degli ultimi anni, su quello che è lo sviluppo dell’IA e di dispositivi che potessero agevolare la vita delle persone.
Proprio in quest’ottica un miglioramento di quello che è l’ambiente domestico è non solo sempre più plausibile ma praticamente prossimo.

Remoto e gestione

Se si pensa alle case del futuro non si può non considerare quello che è il concetto di Smart Home che grazie proprio a Google Home e ad altri dispositivi ha iniziato ad affacciarsi in quello che è il panorama tecnologico mondiale.
Il fulcro che regola le abitazioni Smart è proprio la gestione, il controllo e la possibilità di svolgere delle operazioni completamente da remoto senza doversi, pertanto, trovare necessariamente all’interno delle mura domestiche.Domotica
L’automazione e la domotica in questo giocano un ruolo assolutamente chiave e permettono di regolare tante attività diverse in maniera diretta. Parliamo ad esempio di funzioni basilari come l’accensione o lo spegnimento comandato delle luci, la regolazione della chiusura per quanto riguarda finestre, tapparelle e protezioni in generale o ancora il funzionamento di alcuni elettrodomestici specifici.
Naturalmente i risultati ottenuti fino a questo momento sono si soddisfacenti ma i miglioramenti sono ancora necessari per rendere il tutto sempre più funzionale e facile da utilizzare.
L’idea generale comunque è quella che in un futuro ormai prossimo sarà possibile innanzitutto ottenere una maggiore quantità di funzioni regolabili dall’esterno e in più anche il riscontro sarà decisamente migliore sotto tutti i punti di vista.

“Rete Domestica”

Uno dei concetti maggiormente trattati soprattutto grazie a Google Home e non solo è quello di “Rete Domestica”.
Tra le tante soluzioni che permetterebbero di rendere le nostre case sempre più intelligenti, infatti, c’è quella che prevede una vera e propria interazione tra diversi oggetti presenti all’interno dell’abitazione.
Creando una rete di interconnessione tra tutti questi elettrodomestici ed accessori infatti si permetterebbe loro di scambiare informazioni al fine di ottenere un risultato comune.
In questo modo, ad esempio, tramite il rilevamento di dati ambientali e di informazioni relative temperatura, umidità ecc. i dispositivi intelligenti potrebbero essere in grado di creare un ambiente ideale per l’individuo che risponda perfettamente ai suoi standard.
Di sicuro grazie all’impiego di internet e con lo sfruttamento di una rete comune queste soluzioni potrebbero essere sempre più precise ed acquisire nel corso degli anni un valore sicuramente importante per quanto riguarda le abitazioni in generale.

Domotica

Risparmio energetico e non solo

Tra gli aspetti più interessanti che riguarda l’applicazione della domotica nelle abitazioni moderne tramite Google Home e non solo c’è anche da considerare quello che è il risparmio energetico.
Il concetto che bisogna considerare è che trattandosi di “case intelligenti” è possibile andare a gestire praticamente ogni aspetto della propria abitazione.
Ricollegandoci a quanto detto prima relativamente la gestione delle temperature e dei dati ambientali in generale, infatti, appare chiaro che sia molto più semplice andare a gestire anche il risparmio in termini energetici.Domotica
Grazie al controllo costante delle temperature interne ed esterne, alla monitorizzazione dei dati relativi l’umidità, il clima e tanti altri fattori, controllare “la bolletta” diviene molto più smart.
In questo modo inoltre sarà possibile ottenere dei veri e propri edifici interconnessi ed interoperabili per i quali si potrà controllare lo “stato di salute” e la durabilità nel tempo.
Un impiego che se applicato nella giusta maniera offrirà senza dubbio degli scenari molto interessanti e praticamente neanche lontanamente sospettabili fino a 20 anni fa ma che inesorabilmente si stanno concretizzando passo dopo passo.