Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

Chromebook. Google li rende sicuri

Chromebook: ecco le nuove notizie dal web dedicate all’arrivo di un nuovo sensore che li renderebbe più sicuri. Vediamo come.

Chromebook: ecco le nuove notizie dal web dedicate all’arrivo di un nuovo sensore che li renderebbe più sicuri. Vediamo come.

Cos’è un Chromebook?

Sono un nuovo tipo di computer. Dispositivi ideati per aiutarti a portare a termine le tue attività di lavoro – e non solo – in modo più facile e veloce rispetto ad un normale PC.

Al loro interno hanno un sistema operativo Chrome OS. Questo significa che hanno anche uno spazio di archiviazione su un cloud molto ampio e le migliori funzionalità Google già integrate al loro interno su diversi livelli di sicurezza.

Costano di meno proprio perché nascono dalla mente di Google in persona, che può contare su collaborazioni importanti con i più grandi produttori di computer del mondo. Anche per questo motivo la maggior parte dei loro software è super accessibile e possono offrire migliaia di applicazioni gratuite per svago e lavoro.

Chromebook la loro evoluzione

I Chromebook si stanno evolvendo e mano mano diventano sempre più sicuri. Soprattutto in questo ultimo periodo on-line possiamo trovare tantissime news in merito all’intenzione di Google di rendere questi suoi nuovi computer più forti e ricchi di funzionalità inedite.

chromebook intelligenza artificiale
A quanto pare i nuovi Chromebook integreranno una nuova intelligenza artificiale.

A quanto pare Google starebbe proprio lavorando insieme alla società tecnologica Antmicro. Si occupano principalmente di intelligenza artificiale. L’idea sarebbe quella di integrare nei prossimi Chromebook in uscita un sensore HPS (Human Presence Sensor) che riesca a riconoscere la presenza umana.

La sua utilità? Riconoscere anzitutto il proprietario del PC e, con lo sblocco biometrico e il riconoscimento facciale, fare uno scanner di colui o colei che cercano di accedere al PC in assenza del proprietario.

Il nuovo sensore HPS

Quello che questo sensore porterà in termini di evoluzione ai Chromebook è l’efficenza. Si perché oltre alla questione della sicurezza, il nuovo sensore HPS può rendere il sistema operativo del computer più veloce e molto più facile da utilizzare.

chromebook nuovo sensore
Il nuovo sensore HPS renderebbe il sistema operativo dei Chromebook molto più efficiente, funzionale e sicuro.

Uno strumento intelligente per far sì che anche chi non ha mai utilizzato un computer possa iniziare a lavorare con il digitale.

Insomma, un nuovo modo di vivere la tecnologia, rendendola anche più sicura, comoda e super accessibile.

In previsione di un mondo totalmente telematizzato in cui ognuno di noi può muoversi autonomamente anche in campi che di solito lasciamo ai professionisti, questa novità risulterebbe essere una sorta di svolta per tutti coloro che capiscono poco di tecnologia e computer.

Quali sono i nuovi confort?

Chrome OS non è ancora molto conosciuto ed utilizzato. Infatti, anche le notizie trovate sul web in cui si parla del sensore HPS per lo sblocco con il volto non sono ancora del tutto confermate.

Ad ogni modo, tra le altre novità che sono trapelate, ci sarebbe quella che riguarda il sistema di standby autonomo. Dopo un certo lasso di tempo in cui il proprietario si è allontanato dallo schermo, i nuovi Chromebook si mettono in modalità riposo.

chromebook nuova modalità standby
Tra le novità dei Chromebook Google c’è anche il nuovo sistema di standby autonomo

Una cosa non del tutto nuova nel campo tecnologico, ma nuova per questa tipologia di computer che finalmente da la possibilità a chi lo utilizza di gestire anche più schermi contemporaneamente. Infatti, la modalità standby potrebbe anche essere utilizzata in altro modo, ovvero impostando lo schermo in modo che resti acceso, ma non accessibili in mancanza del reale proprietario.

In questo modo si potrà comunque continuare ad osservare ciò che c’è sullo schermo, senza però poter fare alcuna azione. Ottimo per chi magari ha per lavoro 2 computer o che spesso si allontana dalla postazione di lavoro, ma ha bisogno di tenere sott’occhio ciò che stava facendo.

 

 

 

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.