Voyager 1 riaccende i propulsori dopo 37 anni

Alcuni miti non accusano il passare degli anni… è proprio il caso di dirlo per Voyager 1, la sonda che la NASA ha riattivato proprio in questi giorni dopo ben 37 anni di stand-by

Che le sonde Voyager siano state fatte per durare non vi è alcun dubbio… eccone l’ennesima riprova

Dopo essere rimasti fermi per 37 anni, un set di propulsori della sonda spaziale Voyager 1 è stato riattivato per la prima volta dall’agenzia spaziale americana per estendere il più possibile la missione che dura ormai dal 1977, anno in cui fu lanciata. L’accensione è stata eseguita Mercoledì 29 Novembre e il buon esito è stato comunicato nei giorni immediatamente successivi.

Voyager 1 è una protagonista di tutto rispetto delle indagini spaziali per gli essere umani: si tratta, infatti, dell’unico oggetto costruito dall’uomo ad avere raggiunto lo Spazio interstellare, la porzione di Spazio tra una stella, in questo caso il nostro Sole, e le altre. La sonda rappresenta a tutti gli effetti il nostro pioniere spaziale più lontano e più veloce (circa 17 km/s). Venne lanciato nell’estate del 1977 da Cape Canaveral.

Voyager 1 è ora impegnata nello studio della zona dove termina l’influenza del vento solare ed inizia lo spazio interstellare e si trova attualmente a circa 20 miliardi di chilometri dalla Terra.

Voyager 1

Malfunzionamenti da usura

A partire dal 2014, però, i set standard di propulsori della sonda, utilizzati per orientarla in modo che la sua antenna sia sempre indirizzata verso la Terra, hanno iniziato a manifestare dei problemi legati alla fisiologica usura temporale. Per comunicare, infatti, con le sonde in viaggio nello spazio occorre che l’antenna che sta inviando e ricevendo segnali sia orientata con precisione verso l’antenna di Terra.

Tale orientamento è sempre più importante al crescere della lontananza della sonda dal pianete Terra a causa dell’affievolirsi del segnale emesso.

Le sonde Voyager sono in viaggio da 40 anni e hanno sempre orientato le loro antenne, una per ciascuna sonda, con dei razzetti per il controllo di assetto.

La svolta nella riprogrammazione di un vecchio software

I ricercatori della NASA, preoccupati dall’eventualità di non riuscire più a comandare Voyager 1 e a perderne i contatti, hanno attentamente studiato i vecchi programmi che ne definiscono il funzionamento. È stato necessario rispolverare un software che era stato utilizzato l’ultima volta nel 1980 e modificarlo, dopo avere fatto qualche sforzo per capire il linguaggio di programmazione datato e obsoleto, per usare i propulsori in modo impulsivo e non continuo.

Voyager 1
Cape Canaveral

Dopo l’analisi giunsero alla conclusione che avrebbero potuto sfruttare un set diverso di propulsori inizialmente progettati per altri scopi, legati a correggere la rotta della sonda quando decenni fa raggiunse pianeti come Giove e Saturno, nel suo cammino verso i confini del Sistema solare.

Quei propulsori non erano più stati utilizzati dopo l’8 novembre 1980, quindi non era sicuro che potessero funzionare. Dopo avere inviato il comando per riattivarli, i ricercatori hanno atteso con apprensione le oltre 39 ore necessarie, a causa dell’immensa distanza, per ricevere un segnale di risposta dalla Voyager 1. Il messaggio è infine arrivato confermando l’esito positivo del test.

I propulsori si sono accesi e hanno prodotto i brevissimi getti che erano stati richiesti lavorando come se fossero stati usati ieri per l’ultima volta.

Voyager 2

Grazie a questi propulsori ora la NASA potrà mantenere i contatti per almeno altri 3 – 4 anni con la sonda, i ricercatori sono intanto al lavoro per studiare un sistema analogo da utilizzare su Voyager 2, la sonda gemella che si appresta a raggiungere lo Spazio interstellare.Voyager 2

Tutti i propulsori delle due sonde Voyager sono stati realizzati dalla Aerojet Rocketdyne. Lo stesso tipo di propulsori, detti MR-103, hanno volato anche su altre sonde della NASA come Cassini e Dawn.

Le navicelle spaziali Voyager sono state progettate e costruite dal JPL, che sta continuando ad occuparsi delle operazioni in volo.

Davvero un’operazione che ha dell’incredibile…

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.