Per cercare la vita aliena bisogna trovare gli oceani

bfc11c09d4c5ed94556f5bfb9dfdd299[1]Per cercare la vita aliena non basta studiare l’atmosfera dei pianeti: bisogna cercare i mari. La presenza di un oceano è infatti altrettanto importante per la comparsa della vita su pianeti simili alla Terra. Lo indica lo studio condotto dall’Università del West Anglia e pubblicato sulla rivista Astrobiology.

Solo la presenza degli oceani, rilevano i ricercatori, può mitigare il clima, riducendo gli sbalzi di temperatura e rendendo un pianeta effettivamente abitabile.
La scoperta di nuovi pianeti al di fuori del sistema solare è in costante aumento e gran parte degli studi per individuare possibili candidati ad ospitare la vita sono stati fatti analizzandone, per quanto possibile, l’atmosfera.

Però, sottolineano i ricercatori, sarebbe fondamentale cercare anche la presenza di oceani. “Sappiamo che molti pianeti – ha spiegato David Stevens, uno dei responsabili dello studio – sono completamente ‘invivibili’ perché sono troppo vicini oppure troppo lontani dal loro sole. Un pianeta in zona abitabile è infatti definito dalla sua distanza dal sole, distanza per cui ci sono temperature per cui possa esserci acqua liquida. Ma fino ad ora, la maggior parte dei modelli per definire ‘l’abitabilità’ hanno trascurato l’impatto degli oceani sul clima”.

marte-in-3d[1]Secondo lo studio, gli oceani hanno una un enorme impatto sul clima, in quanto ‘attutiscono’ le variazioni stagionali, distribuiscono il calore e limitano le oscillazioni di temperatura tra il giorno e la notte. “Marte ad esempio – ha aggiunto Stevens – è nella zona abitabile del Sole, ma non ha oceani. Ciò consente alle temperature dell’aria di oscillare anche di oltre 100 gradi”. Grazie al nuovo modello sarà ora possibile cercare con maggior precisione tra le centinaia di pianeti extrasolari scoperti per individuare quelli che potrebbero ospitare la vita.

Fonte Ansa.it

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.