Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

Le nuove piattaforme streaming: Disney+ e Apple TV+

Le nuove piattaforme saranno disponibili da novembre

Televisore

Netflix, Amazon Prime Video, Infinity, Now TV, Google Play Store, iTunes Video, Chili TV, TIMvision, Mubi, Paramount Channel, RaiPlay sono le piattaforme attualmente disponibili da ormai qualche anno sul web. Il mercato dei film in streaming è sempre più in crescita. Proprio per questo, ad unirsi al già folto gruppo, ci saranno Disney+ e Apple Tv+. Andiamo a vedere nel dettaglio come saranno queste nuove piattaforme streaming.

Le nuove piattaforme streaming annunciate per novembre

Queste due nuove piattaforme non sono ancora disponibili, eppure hanno già procurato le dimissioni dell’amministratore delegato di Walt Disney, Robert Iger, in quanto presente anche nel cda di Apple, per possibile conflitto di interesse. Le dimissioni sono avvenute subito dopo che le due società hanno annunciato il lancio dei loro nuovi servizi di video streaming. Entrambe le piattaforme streaming, tra l’altro, saranno disponibili dal prossimo novembre.

Disney+

La sfida della Disney è quella di passare da gigante dell’intrattenimento TV ad un leader dello streaming. Del gruppo Disney, ad oggi, fanno parte i film e le serie TV Disney, i cartoni della Walt Disney Animation Studios, le produzioni Pixar, i film Marvel e la saga di Star Wars e di Indiana Jones. A questi si aggiungono le produzioni 21st Century Fox, i film Fox Searchlight e Blue Sky, ma anche i canali televisivi come National Geographic e quelli sportivi come Espn. Un bel bottino insomma.

piattaforme streaming
La pagina realizzata da Disney Italia per la futura piattaforma streaming

La piattaforma streaming sarà molto simile ad altre tipo Netflix: con un mese di prova iniziale e un’interfaccia semplice e intuitiva, divisa in varie sezioni. L’uscita prevista sarà per il 12 novembre 2019 negli Stati Uniti, in Canada e in Olanda. Mentre il 19 novembre debutterà in Australia e Nuova Zelanda. Per sapere quando arriverà anche in Italia è ancora presto, l’arrivo in Europa è comunque previsto all’inizio del 2020 tra gennaio e giugno. Anche se l’annuncio ufficiale dell’arrivo in Italia non è stato fatto, Disney Italia ha già allestito la pagina dalla quale è possibile iscriversi per ricevere aggiornamenti.

La Disney ha già informato riguardo i prezzi, almeno quelli statunitensi: 6,99$ al mese per avere 4 dispositivi collegati contemporaneamente, registrandone fino a 10. I profili che si potranno creare saranno addirittura 7, sarà presente il 4K Ultra HD, l’HDR10, la Dolby Vision, e il Dolby Atmos. Sarà poi possibile fare un abbonamento annuale da 69,99$, spendendo quindi solo 5,83$ al mese. Un bel risparmio per quanto riguarda la possibilità di condivisione dell’abbonamento, sopratutto se fatto annualmente.

Apple Tv+

Il lancio della piattaforma di streaming di casa Apple invece avverrà in 100 paesi in contemporanea, Italia compresa, il 1° novembre. Il periodo di prova in questo caso sarà di soli 7 giorni, ma successivamente si pagherà soltanto 4,99$ (quindi presumibilmente intorno ai 4,99 euro da noi), l’abbonamento sarà tra l’altro condivisibile fino a 6 utenti, prezzi davvero allettanti e molto competitivi, in questo caso, per l’azienda di Cupertino.

piattaforme streaming
La pagina dedicata alla futura piattaforma streaming Apple

Pronte per il lancio anche alcune serie originali Apple. Come See (di cui è già disponibile il trailer) che racconta di un mondo in cui gli esseri umani hanno perso la capacità di vedere, tutti tranne due gemelli incredibilmente miracolati. Oppure The Morning Show con Reese Whiterspoon e Jennifer Aniston, ancora Dickinson che parlerà della vita della famosa scrittrice Emily Dickinson e molte altre ancora. Le produzioni verranno rilasciate periodicamente nelle settimane successive al lancio.

La piattaforma Apple sarà disponibile principalmente dai dispositivi Apple, ma ci si potrà accedere anche dal browser via web. Grazie ad un accordo con Samsung sarà poi possibile avere accesso alla piattaforma anche su smart TV Samsung appunto, ma in un secondo momento si potrà accedere anche su altri dispositivi come Amazon Fire TV, Lg o Sony.

This post is also available in: enEnglish

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.