Adobe Illustrator VS Adobe Photoshop

Illustrator VS Photoshop

I due programmi di cui si sente maggiormente parlare quando si tratta di grafica sono sicuramente Illustrator e Photoshop di casa Adobe.

Essi sono infatti il principale punto di riferimento per una grande mole di professionisti nei settori più disparati, appartenenti alle culture e nazionalità più diverse. Le differenze tra i due programmi sono tante, e in questo articolo proveremo a elencarle tutte!

Spesso capita che quando si parla di grafica non si abbiano le idee molto chiare. Fondamentalmente si tratta di un settore atto allo sviluppo di un prodotto che ha il compito di comunicare qualcosa: la trasmissione di un concetto o un messaggio per mezzo di un’immagine.

Nell’ambito del mondo digitale, la grafica si divide in due macrocategorie che hanno tra loro delle differenze molto importanti: grafica raster e grafica vettoriale. Infatti, è questa la profonda differenza tra Photoshop e Illustrator, in quanto il primo lavora con una grafica di tipo raster, mentre il secondo di tipo vettoriale.

Vettoriale e Raster
Vettoriale e Raster

Grafica Raster

Raster, in inglese, significa griglia. Infatti, in questo tipo di grafica l’immagine è costituita da una griglia di punti, ognuno dei quali prende il nome di pixel e ha una forma quadrata. Ad ogni pixel sono associate informazioni relative al colore e tutti insieme formano l’immagine.

Per quanto riguarda il profilo del colore, quello più diffuso è l’RGB (Rosso Verde Blu) che è quello utilizzato dalle schede grafiche dei computer. Tuttavia, esiste anche il profilo CMYK (Ciano Magenta Giallo Nero) che sono i colori con cui lavorano invece le stampanti.

La proprietà più importante di un’immagine raster è la risoluzione, data dal numero di pixel presenti in una certa unità di misura (di solito il pollice): DPI, punti per pollice. Per lo schermo sono sufficienti 72 dpi, mentre per la stampa 300 dpi.

I principali formati raster sono qui di seguito elencati in base al livello di compressione dell’immagine:

  • Non compressi: .raw .bmp
  • Poco compressi: .png .gif .tiff
  • Molto compressi: .jpeg
Photoshop
Photoshop

Grafica Vettoriale

La grafica vettoriale è concepita in modo diverso. Essa, infatti, è basata su punti, linee, curve e poligoni che insieme vanno a creare un’immagine. A ogni forma, poi, sono attribuite caratteristiche di colore (che può essere diverso per traccia e riempimento), trasparenza, sfumatura ecc.

Dal momento che le immagini vettoriali sono formate da geometrie e non da pixel, è possibile ingrandirle o rimpicciolirle a dismisura senza perdere la qualità dell’informazione e, quindi, dell’immagine.

I formati vettoriali spesso variano in base al programma con cui le immagini sono state generate. Ad esempio, con AutoCAD si generano immagini .dwg mentre con Illustrator .ai, leggibili solo con il programma che è stato usato per crearle.

Una volta comprese le differenze tra grafica raster e grafica vettoriale, sarà più semplice capire in quali occasioni è meglio lavorare con un programma piuttosto che con l’altro.

Dunque, è ora possibile elencare altre differenze specifiche dei due programmi, non sempre rilevanti nella scelta tra uno o l’altro, la quale deve sempre essere determinata dal tipo di lavoro che si deve svolgere.

Illustrator
Illustrator

Altre differenze

Nascita: Illustrator in versione 1.1 nasce nel 1987, mentre Photoshop tre anni dopo, nel 1990.

Utente: Illustrator viene utilizzato principalmente dai designers, mentre Photoshop dagli artisti in generale, tra cui sono inclusi anche i fotografi, che sono una grande percentuale dei clienti Adobe.

Tavola da disegno: su Illustrator si può lavorare su tavole da disegno multiple, mentre su Photoshop è singola.

Maschera di ritaglio: su Illustrator la maschera di ritaglio si sovrappone al disegno da ritagliare, mentre su Photoshop si sottopone.

Selezione: Illustrator permette di selezionare degli oggetti. Photoshop, invece, delle aree di pixels.

Livelli: gli oggetti contenuti in ogni layer possono essere multipli in Illustrator, devono essere singoli su Photoshop.

Area di lavoro: Su Illustrator si possono visualizzare anche gli oggetti posizionati all’esterno della tavola di disegno, ma contenuti nell’area di lavoro. Su Photoshop no.

Tempo di salvataggio del file: ridotto per Illustrator, decisamente maggiore su Photoshop.

This post is also available in: enEnglish

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.