Informazione Tecnologica

GoPro Hero 6: ecco la migliore telecamera con il supporto al 4K

GoPro, azienda statunitense divenuta celebre per la produzione di telecamere mobili, ha dovuto subire un anno irto di tensioni, licenziamenti improvvisi, scarse vendite dei modelli in stock ed una crisi economica che ha portato le azioni a scendere sino al picco massimo di 86 dollari.

Nick Woodman, CEO di GoPro ha più volte tentato di rassicurare gli analisti di Wall Street ed i suoi shareholder della ripresa dell’azienda, ma sembrerebbe che il lancio della nuova camera possa rappresentare l’ultimo spiraglio di luce in questo tunnel ricolmo d’ombra. Nel nostro articolo, dunque, abbiamo deciso di raccogliere tutte le anticipazioni, più o meno confermate, sulla sesta generazione della GoPro.

Caratteristiche tecniche della GoPro Hero 6

Il selling point di questa nuova fotocamera è sicuramente rappresentato dalla caratteristica di poter registrare video in 4K alla risoluzione di 60 frame al secondo, con un notevole balzo in avanti rispetto alla tecnologia precedente. La GoPro Hero 6, inoltre, sarebbe in grado di registrare anche GoPro 6 Herocontenuti in slow-motion arrivando fino a 1080p a 240fps. Per avere un maggiore controllo sull’hardware, l’azienda americana avrebbe messo da parte i processori Ambarella per crearne uno interno di nome CP1, molto più performante rispetto ai precedenti modelli di GoPro. Un’altra novità attesa sulla cam di nuova generazione è il live streaming, feature che consente di catturare in diretta i momenti più avventurosi e i punti di vista più belli.

Dalle foto postate su Twitter da Konrad Iturbe, un insider spagnolo che si occupa di tecnologia, apprendiamo che la GoPro Hero 6 presenterà un design più compatto e snello rispetto ai modelli precedenti, un sensore ottico da 12 megapixel e la possibilità di effettuare registrazioni subacquee fino a 10 metri di profondità.
Gli amanti della realtà virtuale, invece, rimarranno delusi dal sapere che questo nuovo modello non supporterà tale tecnologia né permetterà di girare video a 360 gradi, contrariamente a quanto si era ipotizzato all’inizio. Nonostante queste piccolezze, restiamo convinti del fatto che GoPro Hero 6 rappresenti un breaktrough nel settore delle camere mobili e si configuri come un acquisto obbligato per tutti coloro che vogliono un modello performante multiuso.

Una multicanalità senza restrizioni

In un mondo completamente dominato dalla rivoluzione tecnologica e dalle richieste sempre più incessanti dei consumatori, la fruizione immediata di contenuti multimediali è divenuta una prerogativa imprescindibile, anche nel settore delle camere mobili. Molti di voi ricorderanno che la Hero 5 aveva offerto un servizio a pagamento chiamato GoPro Plus, un cloud che permetteva agli utenti di scaricare i contenuti dalla camera ai dispositivi mobile collegati, mantenendo la stessa pulizia grafica e di definizione, al prezzo di 5,99 euro al mese.

Il difetto di questo servizio, però, consisteva nella sua restrizione dovuta ai limiti della risoluzione dei contenuti scaricati e dello spazio a disposizione in memoria. La speranza generale è che con l’arrivo sul mercato di GoPro Hero 6 questo problema possa venire arginato in maniera efficace, consentendo agli utenti una connessione gratuita attraverso lo smartphone ed uno spazio illimitato per il cloud.

Prezzo e possibile data di uscita

Stando alle prime informazioni comparse in rete, il prezzo di lancio della telecamera dovrebbe aggirarsi attorno ai 499 dollari in America, mentre altri Paesi dovranno aspettarsi un leggero aumento per via dei dazi. GoPro 6In Canada, infatti, il prezzo base sarebbe di 649 dollari ed in Inghilterra di 499 sterline, con una conversione non proprio ottimale. Gli amanti del risparmio, però, dovranno tenere d’occhio le scorte della Go Pro Hero 5 poiché è molto probabile che tale modello subirà un notevole taglio di prezzo non appena i nuovi prodotti saranno lanciati sul mercato. Al momento quest’ultima viene venduta in Italia a 400 euro, ma è possibile trovare in rete anche delle offerte che portano il prezzo a 250/300.

Per quanto riguarda la probabile finestra di lancio della telecamera, i riflettori sarebbero puntati sulla giornata del 28 settembre, data in cui l’azienda potrebbe anche svelare i piani della sua altra linea di prodotti: espandere il lancio di Fusion, la videocam a 360 gradi, che potrebbe essere lanciata a settembre con Hero 6 o a fine anno, ed aggiornare il software del drone Karma attraverso la modalità “Follow me” simile a quella che si trova sui droni DJI. Non ci resta che attendere, dunque, e capire se l’azienda americana sia riuscita a fare centro, in barba alle critiche passate, o se abbia commesso l’ennesimo passo falso che potrà risultare fatale in questo determinato settore.