Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

The Last of Us diventa una serie tv

grazie alla HBO.

the last of us

The Last of Us diventa una serie tv conquistando tutti gli appassionati di una delle saghe videogames survival horror più amate degli ultimi anni. Pedro Pascal e Bella Ramsey (che abbiamo tanto amato in Games of Thrones) sono i protagonisti di questo adattamento televisivo realizzato dalla HBO che potete vedere su Sky e Now TV. La serie è ambientata nel primo capitolo della saga dove Joel ed Ellie si conoscono. Vediamo nel dettaglio la storia (senza spoilerare nulla ovviamente) e le date di uscita.

Thank you for reading this post, don't forget to subscribe!
The Last of us
Noi fan della saga siamo rimasti abbastanza soddisfatti dei primi due episodi.

The Last of Us: dal videogame alla tv

È andata in onda il 16 gennaio 2023 in America e in contemporanea anche qui in Italia in lingua originale sottotitolata. Io non ho atteso nemmeno un giorno (perché sarebbe poi uscita la versione doppiata in italiano), l’ho gustata con i popcorn in mano e l’emozione di chi sa già che dovrà piangere così come ha pianto all’inizio del videogioco.

Nonostante sia ispirata al videogioco è ambientata vent’anni dopo la distruzione della civiltà moderna che viene raccontata nel primo capitolo da Joel. I protagonisti sono ovviamente Ellie e Joel, lui padre di famiglia che tenta di fuggire ad un passato che lo tormenta e lei una quattordicenne ritenuta molto speciale per un motivo che non possiamo rivelarvi se non avete giocato al videogioco.

La missione di Joel è quella di accompagnare Ellie fuori da una zona di quarantena, un luogo altamente sorvegliato dai soldati. Questa missione si trasformerà in una fuga per tutta l’America dalla quale dipenderà la salvezza della razza umana, oltre che dei due personaggi.

Ashley Johnson e Troy Baker, le voci originali di Joel ed Ellie nel videogioco saranno presenti come cast nella serie. Craig Mazin, l’autore di Chernobyl, è il realizzatore di questa riuscitissima serie scritta a quattro mani con il presidente di Naughty Dog Evan Wells e il produttore esecutivo, autore dei due videogiochi Neil Druckmann.

La serie è prodotta da HBO in collaborazione con PlayStation Productions, Sony Pictures Television, The Mighty Mint e Word Games.

The last of Us
Qui potete vedere un particolare di un Clicker.

Le premesse sono ottime

I primi due episodi non hanno affatto deluso, sono stati un crescendo di emozioni. La storia di Ellie e Joel è raccontata in maniera molto coerente anche se non è fedele 100% al videogioco. All’interno degli episodi, cosa che mi ha fatto molto piacere, sono state riportate alcune battute del gioco molto importanti.

La serie ci darà anche altri aspetti del rapporto tra i due protagonisti arricchendo il bagaglio emotivo forte che ci portavamo appresso dalla fine del videogioco. Io ho iniziato da poco a giocare a The Last of Us II e devo ammettere che rivedere certe parti mi mette addosso una nostalgia fortissima.

Avremo modo di conoscere nuovi aspetti e nuovi scenari ma anche nuove storie di personaggi che non avevano avuto spazio nel gioco. Lo stesso Druckmann ha spiegato in un’intervista che rimarranno invariati gli aspetti più importanti: le dinamiche tra i personaggi, l’interiorità dei protagonisti e la filosofia di base della storia. Mi è piaciuto molto come hanno gestito l’evoluzione dell’infezione da Cordyceps.

In un recente tweet dello stesso Neil Druckmann è stato fatto intendere che potrebbe esserci anche un’introduzione alla seconda parte con un nome di quattro lettere oscurato che noi pensiamo sia proprio Abby. Si tratta di un personaggio fondamentale per lo sviluppo della trama che apparirà nel secondo capitolo.

The last of us
Particolare dei protagonisti nel videogioco.

In conclusione

Fedelissimi della saga state sereni perché la storia di Ellie sarà raccontata nella maniera più fedele possibile. Vi consigliamo di seguirla indipendentemente se avete giocato o no al videogioco, potete tranquillamente gustarvela così. Se volete invece arricchire la vostra conoscenza di questo mondo devastato dall’infezione da Cordyceps vi consiglio assolutamente di giocarci, non rimarrete delusi.