Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

Play-to-earn: i giochi per guadagnare

P2E, la rivoluzione nel mondo del gaming?

Secondo il rapporto globale sulle ricerche di mercato dei giochi NFT Play-to-earn, il tasso di crescita annuo composto di questo tipo di giochi è del 21,30%. Una possibilità di investimento davvero molto interessante, specialmente considerando il fatto che per guadagnare… devi giocare! Non sai bene cosa sia il P2E? Vediamolo insieme!

Play-to-earn, il sistema di gioco che ti permette di guadagnare rivendendo gli oggetti ottenuti... giocando.

Ah ma dici quelle app che ti pagano se scarichi un gioco?”. Questa era anche la mia idea iniziale, prima di capire di cosa trattasse davvero il play-to-earn. Sì, esistono delle app che ti fanno guadagnare a seconda del tempo speso in un gioco. Si tratta di azioni di marketing atte a promuovere dei giochi, di solito nuovi e spesso su cellulare.

Thank you for reading this post, don't forget to subscribe!

Il play-to-earn, però, non è niente di tutto questo. Questa nuova tipologia di gioco ripaga, letteralmente, il giocatore per il tempo speso giocando. Come? Dandogli dei token, degli NFT, degli oggetti unici che potrà poi rivendere online al di fuori del mondo di gioco.

Guadagnare giocando, senza Twitch né YouTube, ripagati direttamente dallo studio di produzione. Troppo bello per essere vero? Forse sì. Non sarà tutto oro quello che luccica, ma le premesse e le potenzialità sono davvero moltissime. Vediamo insieme di che si tratta.

Play-to-earn
Play-to-earn, il sistema di gioco che ti permette di guadagnare rivendendo gli oggetti ottenuti… giocando.

Play-to-earn, cosa sono in sintesi?

Come dice il termine, i videogiochi play-to-earn (P2E) sono dei videogiochi creati con l’obiettivo di far guadagnare il giocatore. Questi giochi si ripropongono infatti di monetizzare il tempo e gli sforzi che gli iscritti riservano al mondo di gioco, anche nel mondo reale. Un sogno? Praticamente sì.

Il funzionamento è tanto semplice quanto innovativo. I giocatori si iscrivono e scaricano il gioco, si mettono a giocare e salgono di livello. Durante la loro avventura, a seconda delle loro capacità (e anche con un pizzico di fortuna) gli utenti ottengono degli oggetti rari se non unici. Si tratta di territori, armi, skill particolari, ma anche avatar o semplici monete.

Tutti questi elementi, raccolti nel mondo virtuale, vengono tradotti in quello reale in token o NFT che possono essere scambiati oppure direttamente venduti.

Una rivoluzione nel mondo del gaming

Il concetto di ripagare il giocatore per il suo tempo speso nel gioco è davvero una rivoluzione. Non solo l’utente può recuperare i costi di un’eventuale iscrizione, ma è anche in grado di mettere da parte qualche soldo. O meglio, qualche cripto-soldo. Alcuni tra i giocatori più accaniti hanno già visto le potenzialità di questo sistema e lo stanno sfruttando come fonte di guadagno.

Play-to-earn
Giochi NFT Play-to-earn: un’opportunità di investimento o uno spreco di tempo? La prospettiva di guadagnare giocando sicuramente non è per tutti, ma con il tempo il mercato potrebbe riservare davvero molte sorprese.

Certo, è necessario dedicare molto tempo al gioco, ed avere anche una certa abilità pregressa. La maggior parte dei play-to-earn, infatti, si basa sul concetto di vincere dei match o delle sfide contro altri giocatori. Per elevarsi sugli altri sfidanti è necessario essere molto skillati ma anche avere un buon equipaggiamento. Il che significa, spendere soldi per comprarlo.

È un circolo vizioso quindi? No, è più una sorta di investimento. Per alcuni giochi è necessaria una spesa iniziale, mentre per altri serve solo il tempo di gioco. Ovviamente con questi presupposti, il guadagno è comunque molto limitato e non si parla di cifre astronomiche. Ricordati anche che siamo ancora agli inizi e che il mercato sta crescendo solo ora.

Qualche cifra per stuzzicare ancora di più la curiosità? Il mercato dei giochi NFT P2E era stimato in 755 milioni di dollari nel 2021, ma la crescita prevista è esponenziale: si pensa che entro il 2028 questo stesso mercato toccherà i 2.917 milioni di dollari. Vale la pena scommetterci?

ArcheWorld: il nuovo gioco per guadagnare

Dopo poco più di un mese di alpha-test, la XL Games è pronta. Dal 1° settembre ArcheWorld verrà rilasciato al pubblico… e sarà gratuito! Ovviamente, per potersi registrare bisognerà avere un portafoglio di criptovalute attivo.

ArcheWorld è un MMORPG molto simile al ben più famoso ArcheAge. Stesso universo di gioco e meccaniche di gioco molto, ma molto simili. A fare la differenza è il concetto di play-to-earn. In poche parole l’economia dell’intero gioco si basa su dei cripto-asset che fanno andare avanti tutto il mercato. Attraverso gli scambi nella casa d’aste i giocatori possono acquistare degli oggetti unici e poi rivenderli al di fuori del videogame come NFT.

Play-to-earn
Play-to-earn: ArcheWorld è uno degli ultimi NFT p2e in uscita. Dal primo settembre sarà possibile accedere all’MMO e scoprire tutti i contenuti.
Potrebbe piacerti anche

I commenti sono chiusi.