In arrivo un altro termostato Ecobee con Alexa integrato

Gli assistenti virtuali rappresentano ormai degli strumenti sempre più diffusi che mirano a migliorare sensibilmente la vita degli utenti, andando ad ottimizzare ed automatizzare numerosi aspetti della quotidianità.
Non è un caso, infatti, che intelligenze artificiali come Cortana, Siri o Alexa siano state integrate con diversi dispositivi i quali, spesso, si distaccano completamente da quelli che sono i device delle case madri.
Anche Ecobee sembra aver fatto questo tipo di scelta, in particolar modo servendosi di Alexa l’assistente virtuale di Amazon, il quale sarà integrato in un termostato intelligente di nuova generazione.

Grandi potenzialità

Secondo le ultime indiscrezioni, il nuovo modello di termostato intelligente si chiamerà Ecobee4 e rappresenterà uno tra i dispositivi di questo tipo decisamente più moderni e all’avanguardia.
Nello specifico, infatti, l’apparecchio andrà ad ottimizzare quelle che sono le già eccellenti peculiarità di Alexa, al fine di offrire all’utenza un qualcosa di totalmente innovativo sotto diversi punti di vista e che mirerà a migliorare sensibilmente quella che è la qualità della vita dell’utilizzatore.
Il termostato Ecobee, difatti, sarà completamente programmabile tramite comando vocale con la possibilità di un controllo il quanto più preciso e puntuale possibile. Secondo quanto riportato dagli sviluppatori, i quali comunque non si sono voluti sbilanciare in maniera eccessiva, le funzionalità dell’assistente virtuale sono state di molto migliorate grazie all’integrazione con l’hardware interno di Ecobee4.
In questo modo i comandi risulteranno molto più semplici, con Alexa che sarà in grado di comprendere anche un linguaggio leggermente più naturale e non limitato a poche espressioni pre-confezionate.
Di sicuro, se quanto detto fosse confermato rappresenterebbe senza alcun dubbio un passo in avanti non indifferente per quanto riguarda il mondo dell’IA e non solo.

I miglioramenti dopo Ecobee3

Il nuovo Ecobee4 è pronto ad esordire in un mercato che, almeno in questo preciso periodo, è decisamente molto florido e offre possibilità interessanti in termini di sviluppo tecnologico e miglioramento dei prodotti.
Non bisogna dimenticare, infatti, che già con Ecobee3 la società aveva proposto un modello che, in virtù delle funzionalità mostrate, aveva riscosso un discreto successo sicuramente non così scontato.
In particolare quel modello puntava ad emulare prodotti più rinomati come il Nest Learning Thermostat il quale rappresenta senza dubbio uno dei punti di riferimento del settore oltre ad essere tra i prodotti più performanti.
Ecobee, però, era senz’altro riuscita a cogliere nel segno proponendo un modello che, grazie anche all’alta compatibilità con sistemi operativi come HomeKit di Apple, SmartThings di Samsung e altri, rappresentava e rappresenta tutt’ora uno dei prodotti sicuramente più interessanti.
Il modello, inoltre, a differenza del termostato Nest è in grado di rilevare la presenza in casa di qualcuno e di accendersi o spegnersi in maniera del tutto automatica in funzione di un risparmio energetico intelligente.
Con la versione Lite, in più, Ecobee aveva puntato a raggiungere una vasta fetta di clientela, in virtù del prezzo decisamente ribassato rispetto a quella che è la versione completa e comprendente tutte le funzionalità complete.
Il successo della società, pertanto, è avvenuto proprio grazie al termostato di terza generazione (Ecobee3) il quale, come visto, presentava già delle funzioni molto interessanti che miravano ad affermare la società in questo mercato specifico.
Ecobee4, oltre a tutte le funzioni appena elencate che riguardano il modello precedente, andrà a migliorare proprio l’aspetto legato alla comunicazione integrando un IA molto più performante e “intelligente” sotto diversi punti di vista.

Non così innovativo

Nonostante gli aspetti che riguardano il nuovo termostato Ecobee siano davvero molto interessanti, non si può dire che la società abbia portato un qualcosa di totalmente innovativo.
L’idea è senza dubbio geniale ma, a quanto pare, era già venuta a qualcun altro. In particolare il modello “Wi-Fi Smart Thermostat” di Honeywell era stato il primo a portare sul mercato questo tipo si sistema integrato con risultati comunque buoni.
Non resta quindi altro da fare che aspettare e vedere cosa effettivamente il nuovo modello di Ecobee saprà offrire all’utenza e quanto l’integrazione di Alexa sarà funzionale ed ottimizzata per un semplice utilizzo.