Il mini-shuttle segreto, ancora in orbita dopo 500 giorni

x37b_Illustation-300x375-outIl programma misterioso del Pentagono dell’X-37B. Un veicolo automatico che ha suscitato l’interesse russo. E Israele intanto ha lanciato un satellite spia

WASHINGTON – Lo hanno lanciato nel dicembre 2012 ed è ancora in orbita. A fine mese avrà superato i 500 giorni di missione. Già, ma quale missione? L’Us Air Force non ha mai specificato i compiti del mini shuttle X-37 B. È tutto coperto dalla segretezza. Per questo il Pentagono può decidere di farlo atterrare senza alcun annuncio pubblico.

Obiettivi
Il velivolo, privo di equipaggio, lungo circa 9 metri, dotato di una piccola stiva, ha attirato l’attenzione degli esperti. L’assenza di dettagli precisi da parte delle fonti ufficiali è stata bilanciata – come avviene sempre in questi casi – dalle ipotesi su quale sia il profilo della navetta. Vediamole.
1) Lo shuttle sorvola Paesi interessanti, come l’Iran, la Cina e la Corea del Nord, dunque sarebbe in grado di puntare eventuali antenne verso questi territori
2) Trasporta apparati per contrastare i satelliti spia avversari
3) Potrebbe impadronirsi dei satelliti
4) È un sistema per mettere in orbita carichi speciali
5) Racchiude una piattaforma per testare sensori e nuove tecnologie usate dall’intelligence nella ricognizione strategica.

Russi interessati
La Boeing, nel frattempo, sta rimodellando un hangar al Kennedy Space Center (Florida) che dovrà ospitare il mini-shuttle tra una missione e l’altra. Lavori che, secondo alcuni analisti, hanno suscitato l’interesse dei russi che avrebbe mandato una dello loro navi spia a fare un giro al largo delle coste americane.
Il satellite spia di Israele
Infine, restando nel campo dell’intelligence, una notizia da Israele. Gerusalemme ha lanciato mercoledì l’Ofek 10, un satellite spia che sarà impiegato per sorvegliare l’Iran e i suoi programmi militari.

Fonte Corriere della Sera

X-37B-tumblr_lxk2ntezky1qbnrqd X-37B

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.