Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

Superchat: Messenger, Instagram e WhatsApp

Messanger, Instagram e WhatsApp diventano interoperabili

Superchat: è qualche tempo che se ne parla, scopriamo cos’è quali sarebbero i vantaggi di avere tutte le chat di Messanger, Instagram e WhatsApp insieme

Facebook, Instagram e Whatsapp insieme.

C’è del movimento sotto le nostre chat, e non si tratta di furti di dati, ma di un frenetico lavorio per creare la superchat. A Menlo Park infatti vogliono rendere interoperabili i vari programmi della compagnia, Messenger, Instagram e WhastsApp, per creare un panel per gestirle tutte.

Perché la superchat

Mark Zuckerberg aveva già annunciato la sua idea circa un anno fa, ora sembra quasi ci sia riuscito: permettere ai suoi utenti di chattare tra tutti i suoi programmi senza dover per forza uscire dall’applicazione in uso. Interessante vedere come Mark abbia fatto inversione di marcia rispetto alle sue precedenti affermazioni a riguardo. In tempi passati infatti asseriva che avrebbe sempre tenuto distanti i tre social.

A testimone dell’enorme lavoro svolto per rendere realtà questa idea circolano in rete alcuni screenshot. Anche se i dettagli sono ancora pochi in quanto questi ultimi sono per lo più indiscrezioni trapelate fuori dall’azienda o scoperte per caso da qualche utente.

superchat facebook, instagram e whatsapp
Marck Zuckerberg ha annunciato il suo intento di unificare tutte le chat in una superchat

Un accenno si era visto già con la fusione di Instagram e Facebook, almeno per quanto riguarda i profili business. Infatti da Facebook è ormai possibile accedere a tutta l’area amministrativa e dei report di Instagram. Inoltre è possibile anche gestire le chat di entrambe le applicazioni sempre direttamente dal panel dedicato di Facebook.

Saranno grandi numeri quelli che raccoglierà la superchat. Whatsapp coinvolge 2 miliardi di utenti da solo (molti dei quali quasi in esclusiva, se pensiamo alla fascia d’età più alta che non utilizza gli altri due canali ma solo Whatsapp per parlare con i familiari). Messenger arriva a 1,3 miliardi mentre Instagram raccoglie “solo” un milione di utenti. Poi certo, sopratutto per questi ultimi due, non si parla di numeri assoluti. Molti utenti infatti sono sovrapposti e hanno tutte e tre le applicazioni attive o ancora gestiscono più account per vari motivi, ma sono comunque grandi numeri.

Le prime indiscrezioni sono state svelate da Alessandro Paluzzi che circa un mese fa aveva condiviso uno screenshot in cui si vedeva come Instagram stesse per integrare al suo interno la chat di Messenger. Alessandro aveva notato che tra i messaggi delle impostazioni si poteva accedere ad una nuova opzione “Get Messenger in Instagram” corredata dal logo ufficiale.

Primi avvistamenti di superchat

A inizio luglio invece WaBetInfo ha pubblicato un notizia riguardante una loro scoperta: “Facebook sta creando alcune tabelle in un database locale al fine di gestire messaggi e servizi con altri utenti di WhatsApp“. Pare infatti abbiamo attinto dalle informazioni presenti sull’app di messaggistica non solo per quanto riguarda la chat tra utenti ma anche tutto quello che ci sta attorno. Utilizzeranno la lista degli account bloccati, le impostazioni delle notifiche push, le conversazioni archiviate e tutto quello che è presente su messanger.

superchat
L’idea è quella di unificare tutte le chat di proprietà così da non dorver rendere più necessario uscire da un’app per rispondere ad un messaggio

Il pensiero di Zuckerberg è quindi di una fusione profonda fra i vari servizi, la superchat sarà assoluta anche se sempre protetta e sicura a suo dire. Le chat infatti rimarranno criptate con la tecnologia end-to-end.

I dubbi

Ma ci sono ancora molti interrogativi a riguardo. Per esempio quale sarà la fine delle attuali chat aperte attualmente. Oppure ignote sono anche le tempistiche e quali saranno, una volta aperta la superchat le reazioni della politica e della giustizia. Attualmente, per esempio, bisogna ancora capire se Zuckerberg avrà il via libera delle autorità regolatorie nazionali e degli Stati Uniti.

Già in passato è stato fatto notare come Facebook sia ormai un monopolio e andrebbe invece spacchettato, esattamente il contrario rispetto a questa operazione di Zuckerberg.

This post is also available in: English

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.