Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

Cos’è il permafrost e perché è pericoloso se si scioglie?

Il permafrost, letteralmente gelo permanente, è una particolare condizione del terreno delle aree più estreme del nord del mondo.

Uno strato di ghiaccio perenne che si estende per circa il 20% delle terre emerse e che, nel nord della Siberia arriva addirittura ad una profondità di 1500 metri.

Mentre i terreni ghiacciati che si estendono lungo il nord Europa e il nord America, sono spesso soggetti ai cambiamenti climatici stagionali, il permafrost più profondo è rimasto congelato sin dall’ultima glaciazione, 10.000 anni fa.

Permafrost sporadico e permafrost permanente

Anche se nell’ultimo periodo siamo soliti indicare con il nome permafrost solamente quelle aree del mondo congelate sin dai tempi dell’ultima glaciazione, in realtà vi sono diverse distinzioni di esso.

Si inizia a chiamare permafrost uno strato di terreno ghiacciato da almeno due anni. Ma non è da escludere che, in anni particolarmente caldi e soleggiati, questo possa sciogliersi nuovamente.

permafrost
Permafrost

Questo tipo di permafrost è detto “sporadico”. Talvolta il permafrost sporadico può durare anche decine o centinaia di anni, ma se esso non risale all’ultima glaciazione non è comunque permanente.

Mentre quei terreni perennemente ghiacciati da che l’uomo ha memoria e, quindi, sin dall’ultima glaciazione, sono detti permafrost “permanente”.

Ovviamente i due tipi di permafrost possono coesistere su un solo terreno. Il terreno più esterno può scongelarsi nelle estati particolarmente calde, ma gli strati sottostanti non si sono mai scongelati.

Tuttavia le cose stanno cambiando. Dopo 10.000 anni alcune zone ricoperte da permafrost permanente iniziano a sciogliersi sotto quel grado in più che affligge il pianeta e che è comunemente conosciuto come riscaldamento globale.

Il pericolo nascosto sotto i ghiacci

Quello a cui stiamo assistendo al Polo Nord e in tutto il mondo: il riscaldamento globale, i ghiacciai che si sciolgono, l’innalzamento del livello del mare, l’effetto serra, la distruzione dell’habitat naturale degli animali artici; è tutto un’enorme circolo vizioso che riporta al punto di partenza.

In questo scenario, mentre in molti ancora sostengano che non vi sia alcun pericolo, sono molte le cose che terrorizzano gli esperti.

Cratere lasciato dallo scioglimento del permafrost

Oltre a quelli più evidenti, vi sono numerosi altri pericoli subdoli, nascosti ed insidiosi, che minacciano la razza umana e tutto il pianeta Terra.

Lo scioglimento del permafrost è uno di quelli. Cosa è nascosto lì sotto da migliaia di anni? Tutto è rimasto congelato, immutato e perfettamente conservato da tempo immemore.

Il riscaldamento globale ha riportato alla luce alpinisti dispersi sui monti da anni e resti di antichi mammut, ma non solo. Nascosti sotto i ghiacciai vi sono virus che l’umanità non conosce, potenzialmente mortali, metano e altri gas che annienterebbero il mondo e chissà cos’altro ancora.

Termokast

Il decadimento del permafrost permanente è un fenomeno a cui stiamo assistendo da almeno 50 anni e che ha già riportato danni evidenti e permanenti.

Lo scioglimento di uno strato maggiore ha portato a frane e cedimenti del terreno stesso, provocando danni ai vicini insediamenti umani, come strade o edifici.

In alcuni casi si è verificata anche la formazione dei “termokast”, nuovi laghi creatosi con il ghiaccio sciolto, laghi potenzialmente tossici, vista l’elevata quantità di gas.

Nelle aree più a nord del mondo, inoltre, intere cittadine sono costruite sopra lo spesso strato ghiacciato di permafrost permanente. Lo scioglimento di quest’ultimo sta portando al decadimento e al cedimento di interi edifici.

Qui le abitazioni erano costruite con un sistema di palafitte, ma non poggiavano sull’acqua, bensì sul permafrost. Gli edifici si tenevano su ancorati al permafrost permanente attraverso pilastri lunghi otto metri, che permettevano il disgelo del permafrost sporadico in estate.

Ma per le ultime costruzioni si sono dovuti utilizzare pilastri lunghi ben 16 metri, mentre le vecchie abitazioni stanno cedendo assieme al terreno.

Metano

Intrappolate sotto lo strato di ghiaccio perenne vi sono anche grosse quantità di gas metano, accumulatosi per millenni. Attualmente queste riserve di gas sono sigillate da uno spesso strato di permafrost permanente che ne impedisce la fuoriuscita.

Metano intrappolato sotto il ghiaccio

Si teme però, come conseguenza del riscaldamento globale e del repentino scioglimento dei ghiaccia perenni, la fuoriuscita del gas. Ciò porterebbe danni devastanti.

 

Enormi quantità di metano verrebbero rilasciate direttamente nell’atmosfera terrestre, aggiungendosi a quelli già presenti e aumentando considerevolmente l’effetto serra, incrementando il circolo vizioso già in atto del riscaldamento globale.

Così facendo le attuali statistiche sarebbero pressoché nulle e il tempo per rimediare si ridurrebbe a una manciata di anni o meno.

Questa è probabilmente la conseguenza più grave dello scioglimento del permafrost, un mostro ghiacciato che minaccia la nostra esistenza.  Il metano non è comunque l’unico elemento congelato, vi è anche mercurio, carbonio, ecc.

Raffreddamento dei mari

Il riscaldamento globale potrebbe portare nel giro di pochi anni a un rovescio della medaglia e a un raffreddamento dei mari nordici, come conseguenza del permafrost disciolto in essi.

Ciò ne abbasserebbe anche la salinità e interferirebbe con le attuali correnti sottomarine, come la Corrente del Golfo, la cui funzione è quella di un regolatore termico globale. Ciò vorrebbe dire un sostanziale e radicale cambiamento climatico su scala mondiale.

permafrostAd ogni modo, come è facile intuire, possono esserci molti altri pericoli nascosti sotto il permafrost. Mostri sconosciuti nascosti e dormienti da decine di migliaia di anni.

Ultimamente, dalla NASA, è giunta la notizia che il pianeta Terra non è l’unico ad avere del permafrost permanente. I poli ghiacciati di Marte, infatti, sembrano vantare uno spesso strato di ghiaccio che non si scioglie mai.

La speranza di molti è quella di trovare nascosta li sotto traccia di una vita passata del pianeta. Ma mentre cerchiamo di trovare vita aliena nel permafrost marziano, per salvaguardare la vita terrestre dobbiamo assicurarci che il nostro ghiaccio perenne rimanga immutato.

This post is also available in: English

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.