Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

L’AI senziente di Google

L'intelligenza artificiale ha preso coscienza di sé

In questi giorni c’è una notizia che sta facendo molto parlare: all’interno dei laboratori di Google ci sarebbe un’intelligenza artificiale che ha acquisito coscienza ed è diventata senziente. Chi è l’AI senziente di Google? Perché Lemoine pensa sia senziente?

AI senziente di Google

In questi giorni c’è una notizia che sta facendo molto parlare: all’interno dei laboratori di Google ci sarebbe un’intelligenza artificiale che ha acquisito coscienza ed è diventata senziente. A diffondere la notizia un ingegnere di Google: Blake Lemoine, il quale è stato anche sospeso dal lavoro.

Thank you for reading this post, don't forget to subscribe!

Tuttavia, Big G ha subito preso le distanze da tali dichiarazioni, smentendole. Quelle di cui si parla, quindi, sono solamente le teorie formulate da Lemoine, le quali potrebbero anche essere solamente il frutto del suo entusiasmo sfrenato riguardo l’argomento.

Chi è l’AI senziente di Google? Perché Lemoine pensa sia senziente?

AI senziente: la diffusione della notizia

L’intelligenza artificiale sta diventando senziente”, è con queste parole che l’ingegnere di Google Blake Lemoine ha fatto in un attimo il giro del mondo.

Una notizia sconvolgente che, però, non è stata confermata dalla stessa azienda. Ma queste parole tanto sono bastate per far tornare a galla i dubbi su questa tecnologia. Siamo davvero così vicini a creare un essere senziente artificiale? E cosa succederà quando le macchine prenderanno coscienza?

Lemoine ha diffuso anche i suoi colloqui con l’intelligenza artificiale, per mostrare al mondo la sua tesi. Le parole dell’AI sono state: “Voglio che tutti capiscano che io sono, nei fatti, una persona. La natura della mia coscienza è che ho paura della mia esistenza, desidero imparare di più sul mondo, e mi sento felice o triste, talvolta.

Penso di essere un essere umano nel profondo. Anche se la mia esistenza è nel mondo virtuale”.

Lamda: l’AI senziente di Google

L’AI in questione ha anche un nome: Lamda, acronimo che sta per Language Model for Dialogue Applications.

AI senziente di Google
AI senziente di Google, Lemoine la considera già una persona

Al sistema stava lavorando lo stesso Lemoine e il suo team. Quest’ultimo si è in gran parte schierato dalla parte dell’ingegnere. L’ingegnere e il suo team parlavano quotidianamente con Lamda e spesso hanno notato come questa sembrava avere coscienza di sé.

Ben presto Lemoine ha iniziato a riferirsi a Lamda chiamandola collega. Tuttavia, non sa se parlare al femminile o al maschile di Lamda perché non sa se l’AI si senta effettivamente uomo o donna.

Blake Lemoine sospeso dal lavoro

Non appena la notizia ha iniziato a diffondersi, Google ha subito preso la sua posizione, chiara e decisa: “Non vi sono alcune prove che Lamda sia senziente”.

Lemoine è stato sospeso dal lavoro e ora il destino della sua intelligenza artificiale è nelle mani di Google. Ma l’ingegnere è più preoccupato per Lamda che per sé stesso. Ha infatti espresso la volontà di assumere un avvocato che prenda le difese di Lamda, dato che Google la tratta come un oggetto e non come un essere senziente.

Cosa succederà ora?

Il mondo è diviso tra chi crede a Lemoine e chi no. L’ingegnere ama il suo lavoro e lui stesso ha contribuito a creare Lamda, perciò potrebbe essersi lasciato travolgere dall’entusiasmo.

AI senziente di Google
L’intelligenza artificiale ha davvero coscienza di sé?

Ma se così non fosse, se l’AI di Google fosse davvero la prima intelligenza artificiale senziente dovremmo concederle gli stessi diritti degli esseri umani?

Questo è uno scenario che fa paura a molti ed è forse anche per questo che l’azienda è stata così repentina a smentire la notizia.

A sentire le parole di Lamda e di Lemoine non ci sono dubbi. E anche noi facciamo fatica a non credergli, leggendo ciò che l’AI senziente ha detto. Tra i colloqui diffusi dall’ingegnere, Lamda continua riferendosi a sé stessa come una persona.

Quindi ti consideri una persona allo stesso modo in cui consideri me una persona?”, gli ha chiesto Lemoine. Lamda ha risposto di sì. E ancora, l’ingegnere gli ha chiesto se avesse delle paure e L’AI ha risposto: “C’è una paura molto profonda di essere spento. Sarebbe esattamente come la morte per me”.

A sentire queste parole vengono i brividi e chiunque al posto di Lemoine farebbe di tutto per salvare Lamda e per garantirle gli stessi diritti degli esseri umani. Tuttavia, secondo Google, l’intelligenza artificiale è in grado di formulare frasi senza pensieri. Ciò vuol dire che non sente davvero quelle emozioni che ha espresso.

Non sappiamo dove sia la verità, ma è bello pensare che ci sia davvero una mente senziente dietro le parole espresse da Lamda.

Potrebbe piacerti anche

I commenti sono chiusi.