Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

Hashtag for business, come e perché

La guida pratica

Utilizzare correttamente gli hashtag può avere un grande impatto sul tuo business. Però non è facile orientarsi nella selva di possibilità. Ecco come fare.

Hashtags for business

Utilizzare correttamente gli hashtag può avere un grande impatto sul tuo business. Però non è facile orientarsi nella selva di possibilità. Ecco alcuni consigli utili per raggiungere e mantenere nuovi clienti su Instagram.

Una categorizzazione moderna

Lo scopo principale degli hashtag è di permettere all’utente di Instagram di trovare facilmente contenuti che lo interessano che sono stati categorizzati, da voi o da altri utenti, sotto un certo hashtag.

In realtà non sono quindi che un semplice sistema di categorizzazione delle immagini, video o story che postate. Sotto la loro aria innocente però, gli hashtag sono un potente strumento commerciale.

Forse la loro forza sta proprio nella loro semplicità. Infatti l’utente ha dimestichezza con questo sistema, che spesso utilizza lui stesso, e quasi non si accorge di essere, a sua volta, targettizzato.

A caccia di clienti

Su Instagram è particolarmente importante utilizzare correttamente gli hashtag per attirare l’attenzione di nuovi clienti.

Raggiungendo nuovi utilizzatori, si aumentano proporzionalmente le chances di vendita e, se siete stati molto bravi, si può arrivare a trattenere il nuovo pubblico e farlo diventare parte della audience fissa.

Perché una marca di auto posta le foto di un gattino

Vi sarete probabilmente già accorti che anche le più grandi marche postano a volte contenuti che non sono direttamente correlati ai loro prodotti.

Questa è per l’appunto una tecnica per cercare di raggiungere un pubblico che abbia degli interessi che corrispondano al target da raggiungere.

Prendiamo ad esempio una marca di automobili che voglia vendere un’utilitaria di città, adatta ad un pubblico femminile. Perdonateci il luogo comune, ma spesso le donne non seguono le marche automobilistiche su Instagram, allora come raggiungere il target?

Postando la foto di un gattino, e aggiungendo hashtag correlati, si riesce a rendere visibile il post al pubblico desiderato, cioè le donne che seguono degli hashtag che ispirano tenerezza del tipo #gattino.

Postate contenuti che interessino il vostro target, anche se non sono direttamente correlati ai vostri prodotti.
Postate contenuti che interessino il vostro target, anche se non sono direttamente correlati ai vostri prodotti.

Come sceglierli: guida pratica

La domanda da porvi continuamente nella scelta degli hashtag è: chi desiderate che veda questo post? Cosa piace a quei clienti e cosa seguono?

Cominciate dagli hashtag logici relativi al prodotto per descriverlo.

Pensate in seguito ad ampliare la lista mettendo degli interessi correlati. Ad esempio se desiderate pubblicizzare un prodotto senza glutine, pensate ad aggiungere degli hashtag che riguardino la dieta o uno stile di vita sano.

Come selezionare i tag adatti

Il metodo manuale

Si possono aggiungere, anzi è consigliabile, fino a 30 tag. Ovviamente spesso è difficile sapere cosa mettere, per questo ci viene in aiuto la tecnologia.

Se conoscete molto bene il vostro pubblico, potete innanzitutto riempire la lista manualmente. In seguito, se siete a corto di ispirazione, potete usare il finder di Instagram.

Il finder di Instagram

Il finder di Instagram mette già in ordine di interesse, cioè di volte che un tag è stato usato, gli hashtag correlati alla vostra parola chiave e vi propone anche parole chiave correlate.

Quando siete a corto di ispirazione, il Finder di Instagram vi propone hashtag correlati alla vostra parola chiave, in ordine di popolarità.
Quando siete a corto di ispirazione, il Finder di Instagram vi propone hashtag correlati alla vostra parola chiave, in ordine di popolarità.

Hashtag generator

In seguito, per velocizzare ulteriormente il processo, potete anche usare un generatore di hashtag automatico.

Essendo un universo in continuo movimento, la cosa migliore è cercare su Google con la parola chiave “(free) hashtag generator” per valutare le varie opzioni gratuite e a pagamento.

Tra i primi risultati per “free hashtag generator” troviamo ad esempio all-hashtag.com, molto semplice ed efficace.

Tra le opzioni a pagamento, invece, troviamo Tailwind. Questa applicazione propone anche la possibilità di pianificare i vostri post, in modo che vengano pubblicati negli orari in cui i vostri clienti avranno più chances di vederli.

Gli ultimi consigli

Nel caso decidiate di affidarvi ad un generatore automatico, è sempre bene mantenere uno spirito critico. Infatti, come in questo esempio, i risultati possono deviare da quello che cercate.

I risultati prodotti con un hashtag generator automatico possono deviare dalla vostra ricerca originaria.
I risultati prodotti con un hashtag generator automatico possono deviare dalla vostra ricerca originaria.

Trovare gli hashtag giusti è quindi un lavoro che va fatto con pazienza e costanza, ma una volta create delle liste consistenti, potete facilmente riutilizzarle per diversi post.

This post is also available in: English

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.