Enkey Magazine
Sito di informazione tecnologica

Jitsi Meet, l’alternativa a Zoom per le tue videochiamate

Proviamo un'app di videochiamate, una valida alternativa a Zoom

Jitsi Meet

Il lavoro si sposta a casa. Oramai lo smartworking, le consulenze e i corsi di aggiornamento o d’apprendimento on-line sono diventati il nostro pane quotidiano. Sapete quali sono le piattaforme più conosciute? Conoscete Jitsi Meet?

Aumentano le piattaforme e le app con cui poter organizzare meeting e videoconferenze

La classifica delle più utilizzate vede al primo posto Microsoft Teams, con oltre 20 milioni di visite giornaliere. Tra le più nominate sul web invece troviamo Zoom, un’applicazione versatile utilizzata sopratutto per gli webinar. Anche Facebook ha ideato Workplace, un’applicazione orientata principalmente per le aziende dove si possono sincronizzare eventi e calendari, che ha una comoda versione per smartphone e tablet molto competitiva e semplice da usare.

In questo panorama entra in gioco una nuova piattaforma completamente gratis e facile da usare che non prevede l’installazione di nessun software. Stiamo parlando di Jitsi meet.

Jitsi Meet
Il Stistema di Jitsi Meet

Jitsi Meet è gratis e semplice da usare

Questa app, nonostante non sia a pagamento, è decisamente funzionale e completa. La cosa che la rende competitiva è che non serve registrarsi, né avere un indirizzo mail per utilizzarla. È infatti un software web-based, ovvero tutto quello che serve per accedervi è un web browser, o la app scaricabile gratuitamente dal proprio app store per smartphone e tablet.

Per avviare una semplice call, basterà collegarsi al sito meet.jit.si e cliccare sul pulsante “Avvia una call”. Una volta nominata la propria conferenza, basterà condividere il link che il sito avrà creato per la vostra stanza con coloro che dovranno partecipare al meeting.

Jitsi Meet
Come creare una stanza su Jitsi Meet

Parliamo delle sue potenzialità. Jitsi meet ha la possibilità di collegare tra loro fino a 35 partecipanti (questo numero è quello consigliato dagli sviluppatori per garantire prestazioni di alto livello, in linea teorica poi il software potrebbe supportare molti più utenti collegati). Come altre piattaforme dà la possibilità agli utenti di condividere il proprio schermo ed integra funzionalità di live streaming.

Gli sviluppatori consigliano di dare un nome specifico alla propria video conferenza: inerente a ciò di cui si tratterà come argomento principale. Successivamente alla creazione della stanza verrà appunto creato questo link per accedervi e il sito vi chiederà di creare una password per l’accesso alla stanza. Questi passaggi sono richiesti per rendere la videocall più sicura e per proteggere anche i contenuti. Inoltre, questo software utilizza la tecnologia hop-by-hop, ovvero ogni fase della videochiamata è parzialmente crittografata. Questo tipo di tecnologia non è considerata perfetta dagli esperti del web, però aiuta a proteggere i contenuti della video conferenza (anche se non è detto che non la si possa intercettare).

Con Jitsi Meet puoi condividere la tua video conferenza su Youtube

Ecco un’altra cosa molto interessante, che rende Jitsi molto competitiva rispetto alle piattaforme più famose: si possono condividere i contenuti della videocall in maniera simultanea con youtube. Questo permette a molti più utenti di poter interagire e di discutere dei contenuti in maniera diretta.

Jitsi Meet
Su Jitsi puoi anche creare una Live Streaming su Youtube

Jitsi è il lingua italiana e senza limiti di tempo

Questo gli permette di essere una app che aiuta in maniera facile e gratuita tutti coloro che lavorano da remoto a poter collaborare in maniera facile e veloce con i propri colleghi, o con i propri studenti.

Chi la usa? In questo momento è usata principalmente da chi offre consulenze on-line; professionisti del settore benessere o che trattano la psicoterapia a distanza. L’idea è quella di un gruppo che può anche condividere esperienze personali, oltre che contenuti di lavoro e di studio.

Cos’altro che può fare Jitsi Meet?

Tutto quello che fanno le altre piattaforme di videoconferenza, come ad esempio offuscare il video nel caso non si voglia mostrare ciò che stiamo facendo durante la call, oppure condividere il proprio calendario eventi (il software si integra con Google Calendar e Office 365 Calendar). Le chiamate possono essere registrate, per essere riviste e rielaborate. Possiamo anche decidere di chiudere il nostro microfono.

In conclusione, Jitsi Meet fa per te se hai bisogno di creare un web place in cui sentirti più sicuro di condividere i tuoi contenuti senza dover scaricare software sul tuo PC. Sul web viene consigliata al posto delle maggiori piattaforme utilizzate per il lavoro da remoto perché non ci sono limiti di banda ed è appunto open source, ma sopratutto è forse la più utile a chi non è molto pratico di computer e cerca un modo per poter interagire con i propri amici e/o clienti.

This post is also available in: English

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.