SOLO, la tecnologia tutta italiana per pagare in negozio come su internet

Un team di sviluppatori e professionisti italiano ha trovato un’alternativa all’obbligo del POS per commercianti ed esercenti. Si chiama SOLO e vuole portare l’esperienza dei pagamenti online nelle realtà commerciali italiane

Accettare pagamenti via carta di credito o debito è d’obbligo oggi in Italia, e per farlo il commerciante deve disporre del POS, un terminale fisico che solitamente richiede costi fissi di gestione e deve essere aggiornato per essere compatibile con le nuove tecnologie (ad esempio NFC). Burocrazia, hardware e costi hanno di fatto limitato la diffusione dei pagamenti con carta, problematica a cui vuole porre rimedio una neonata start-up italiana con SOLO (acronimo di social local shopping).

solosh_600[1]

Come viene definito dagli stessi otto sviluppatori e professionisti al lavoro sul nuovo ambizioso progetto, SOLO è un POS virtuale che consente di accettare e inviare pagamenti con carte di credito e di debito via internet. Non richiede nessun hardware aggiuntivo da collegare, nessuna app da scaricare e, soprattutto, nessuna registrazione obbligatoria per l’acquirente che deve effettuare il pagamento.

Immaginate di essere in un negozio e avere la possibilità di pagare come avviene online in un qualsiasi sito di e-commerce. SOLO è pensato per esercenti e commercianti, che possono inviare una richiesta di pagamento ad un qualsiasi utente attraverso un link tramite email, SMS, servizi social, QR code o tag NFC. Si può pagare sul momento o a distanza, con la stessa libertà e semplicità con cui si compie, ad esempio, un acquisto su Amazon.

SOLO non richiede standard proprietari per il suo funzionamento e può funzionare virtualmente su qualsiasi dispositivo ad oggi disponibile in circolazione dotato di web browser. Il link porta ad una pagina web sviluppata in HTML5 parzialmente personalizzabile dal commerciante, che richiede l’immissione delle informazioni necessarie per portare a compimento il pagamento. È importante notare che nessun dato sarà salvato in locale o remoto.

solo_webapp[1]

“SOLO nasce dall’intuizione di portare l’esperienza d’uso dei pagamenti su internet nella vita di tutti i giorni, grazie all’evoluzione tecnologica e alla diffusione degli smartphone in Italia”, hanno dichiarato Orlando TM Merone ed Edoardo Raimondi, co-fondatori e rispettivamente Presidente e CEO di SOLO. “La nostra missione è abbattere le barriere all’ingresso per l’adozione dei POS da parte di esercenti e commercianti, che vedono nella burocrazia, nei dispositivi e nei costi degli ostacoli che limitano fortemente i pagamenti con carta di credito e di debito”.

Con SOLO, il commerciante non deve affrontare alcun costo di attivazione e nessun canone mensile, ma pagare un’unica fee per ogni transazione pari a 0,25€ e il 2,5% dell’intero importo richiesto. SOLO è promosso da Digital Magics, venture incubator di cui i fondatori della start-up facevano già parte. Gli otto sviluppatori e professionisti della start-up parteciperanno alla ventiquattresima edizione della World Wide Web Conference che si terrà il 19 maggio a Firenze e al Payments Dragon’s Den durante il PayExpo 2015 di giugno.

SOLO ha già vinto alcune competizioni nazionali, e si configura come una soluzione innovativa in un mercato da oltre 1 trilione di dollari e 5 miliardi di pagamenti online effettuati su base annuale. Ulteriori informazioni possono essere trovate sul sito ufficiale.

Potrebbe piacerti anche

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.