Skybox è di Google per 500 milioni di dollari

Skybox-Imaging[1]Vengono confermate le indiscrezioni circa l’interesse su Skybox da parte di Google. La società di Mountain View ha acquisito l’azienda che occupa il settore dell’imaging satellitare, con l’obiettivo di migliorare ulteriormente Maps, e non solo

Google ha acquisito Skybox Imaging, spingendosi ancora più in là nello spazio. Lo scorso aprile il colosso di Mountain View aveva acquisito Titan Aerospace, con l’obiettivo di portare internet nelle aree più remote del mondo grazie all’uso di droni. Le finalità della nuova acquisizione, avvenuta per 500 milioni di dollari, appaiono diverse, ma non del tutto.

“I loro satelliti ci aiuteranno a mantenere le nostre mappe aggiornate nel tempo con immagini sempre recenti”, ha comunicato Google confermando l’acquisizione. “Nel corso del tempo, speriamo anche che il team di Skybox e le loro tecnologie ci diano la possibilità di migliorare l’accesso a internet e la rilevazione di calamità naturali imminenti, aree su cui Google si è mostrata da tempo interessata”.

Skybox[1]Skybox Imaging è stata fondata cinque anni fa e realizza tecnologie che permettono di registrare video e immagini statiche ad alta definizione via satellite: “È arrivato il momento giusto per collaborare con una società che ci può spingere a pensare in maniera più audace e più in grande, e che ci può supportare nella nostra ambiziosa visione”, ha dichiarato la società.

L’obiettivo apparente è quello di “rendere fruibili e utili le informazioni relative ai dati geospaziali” di cui la società dispone e che può ottenere grazie alle proprie strumentazioni. La collaborazione fra le due società potrà portare vantaggi diretti sul servizio cartografico di Google, e indiretti sulle tecnologie che ne faranno uso, come ad esempio le auto a guida autonoma.

Le prime indiscrezioni sull’acquisizione risalgono ad aprile, in cui si parlava di un investimento pari a un miliardo di dollari, dei tre miliardi che Google potrebbe investire nel prossimo futuro su tecnologie satellitari per espandere la connettività ad internet in tutto il mondo.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.