Asus Zenfone 4: tutte le novità

Asus nel corso degli ultimi anni si è confermata come una delle aziende produttrici più affermate non solo per quanto riguarda la realizzazione di computer ma anche e soprattutto nel campo degli smartphone.
Uno dei modelli più riusciti è senza dubbio Asus Zenfone 4 il quale si presenta come uno smartphone Android semplice ma allo stesso tempo decisamente funzionale.
Oltre ad esso, inoltre, sono in arrivo altri tre modelli: Asus Zenfone 4 Max, Asus Zenfone 4 e 4s suddivisi tra loro in base alla fascia di prezzo, i quali promettono di offrire all’utenza una soluzione adatta praticamente a tutti i tipi di consumatori.
I nuovi modelli in particolare saranno presentati al Computex 2017, occasione ideale per mostrare prodotti innovativi e facenti parte della nuova generazione di smartphone.

Tre classi differenti

Ciò che appare subito chiara e definita è la volontà da parte di Asus di suddividere i prodotti in base a tre classi specifiche: Empowering Luxury for Everyone, Premier Luxury e Ultimate Luxury.
Queste, naturalmente, si differenziano tra di loro in base soprattutto al prezzo dei modelli presentati, rendendo la prima (Empowering) accessibile praticamente a tutti con prodotti abbastanza economici, la Premier di fascia medio alta e la Ultimate con i top di gamma dell’azienda.
I nuovi Asus Zenfone 4 saranno ognuno appartenente ad una classe secondo quest’ordine: Asus Zenfone 4 Max di fascia medio bassa, Asus Zenfone 4 per la fascia medio alta e il modello 4s come top di gamma per quanto riguarda questa generazione.
Se la fascia di prezzo e i criteri con i quali Asus ha suddiviso questi tre nuovi modelli appaiono così chiari, non è altrettanto facile comprendere quali saranno le caratteristiche puramente tecniche di questi smartphone.
Almeno per quanto riguarda il 4 ed il 4s, infatti, non è trapelata alcuna notizia o immagine che possa permettere di comprendere cosa avranno da offrire questi dispositivi mobile.
Per quanto riguarda il 4 Max, invece, sono state diffuse alcune immagini che permettono di confermare, almeno in parte, quelle che erano le indiscrezioni relative a questo modello specifico.

Prime impressioni

Asus Zenfone 4 Max, come detto, sarà il modello di fascia medio bassa e, pertanto, quello più accessibile da un punto di vista economico.
Ciò che si evince immediatamente dalle prime immagini è che probabilmente lo smartphone presenterà uno schermo piuttosto ampio da 5,5 pollici quasi sicuramente Full HD.
Dal punto di vista delle prestazioni il processore potrebbe essere un Qualcomm Snapdragon 630 0 660 naturalmente con connettività 4G LTE e con una batteria molto potente da 4000 o 5000 mAh che garantirebbe senza dubbio molte ore di carica, così come ci ha abituato Asus con la stragrande parte dei suoi device.
Dall’immagine, la quale presenta il modello in maniera frontale e posteriore, si intravede anche la presenza di una dual cam sul retro con Flash LED, un pulsante Home fisico che con ogni probabilità integrerà anche il rilevatore di impronte digitali, pulsante volume laterale e un jack audio nella parte superiore.
La struttura esterna in generale appare molto solida caratterizzata da un telaio in metallo  con un inserto in policarbonato sul retro per evitare di schermare le antenne.
Il tutto, almeno per quello visto nelle immagini, è di colore blu scuro anche se, con ogni probabilità, all’uscita ufficiale del modello saranno disponibili altre colorazioni come il nero, forse il bianco e il gold.

Computex 2017

Come abbiamo potuto notare, le caratteristiche di questo nuovo Asus Zenfone 4 Max sono davvero interessanti soprattutto se si pensa che, come ribadito, questo modello sarà quello meno performante e più accessibile dei tre.
Secondo questa prima analisi tecnica è quindi lecito aspettarsi specifiche ancora migliori dagli altri due apparecchi che, con ogni probabilità, potranno essere competitivi sul mercato al pari di aziende già rinomate e più affermate.
Questa volta Asus sembra aver proprio centrato il segno, anche se c’è da attendere il Computex 2017 per vedere quanto di tutto ciò sarà confermato.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

Accedi con



This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.